Come funziona un impianto elettrico...

PiccoloCapo urlò il mio nome, ed io accorsi…
“C’è da fare una verifica!” “Ok! Dammi i dati!” “Si tratta di questa linea…” e mi consegna un foglio con una serie di appunti scritti a mano “…dammi i risultati del Programma…” “La ciofeca? Faccio prima a fare a mano…” “No, mi servono i risultati del Programma…!” “Evabbè!”
Mi posiziono al computer, apro la ciofeca, inizio ad impostare i dati, salvando un passaggio si e l’altro pure…
Dopo circa mezz’ora, completo l’inserimento, salvo tutto e avvio la fase di stampa… “Errore irreversibile!” ed il programma si chiude… “Beh, almeno mi ha fatto finire di inserire tutti i dati…” Riapro, ricarico tutto e rilancio la stampa… “Errore irreversibile!” e si richiude…
PiccoloCapo si avvicina sogghignando, sentendo le bestemmie che sto lanciando… “Com’è?” “@#$§§%&AR%&&£$°@@!”
Guarda un pochino, poi fa “Non importa che stampi, dammi solo i valori… per adesso...” “Se è solo per i valori, eccoli!” e gli mostro la schermata riepilogativa… “ECCHEC@##O!!!! Perché non funziona?” “Lo chiedi a me o è una domanda retorica…?” “Ma non è possibile… Abbiamo già fatto tutto, ora non possiamo dire che non funziona…” “Eh?!” “Beh! E’ tutto già installato… ci hanno chiesto le verifiche e dobbiamo dargli un po’ di carta…” “Scusa, ma… a parte che questa ciofeca non ritengo abbia autorità tali da essere considerato un programma di verifica, tu fai un impianto in questo modo e pretendi che sia verificato…” “Ah, ma tanto è quello che serve… Abbiamo sempre fatto così e tutto è sempre andato bene…” “Ed allora perché non lo certifichi dicendo queste frasi agli ispettori?” “Perché gli ispettori sono come voi ingegneri: non capiscono un c@##o e vogliono solo vedere dei fogli di carta!!!” “In ogni caso, un cavo di quella sezione non è corretto per quella portata…” “Cosa? Ma se consideriamo i 3 ampere al millimetro quadro…” “Ottieni solo c@##ate!” “Gli impianti si sono sempre fatti così…” “A casa tua cos’hai come sezione?” “Che c’entra?” “Cos’hai?” “2 e mezzo…” “E come interruttore?” “16 ampere, differenziale…” “Casa tua è da rifare!” “Cosa?!?!” “Se hai un 2 e mezzo, con i tuoi 3 ampere al millimetro quadro non puoi superare i 7 ampere e mezzo… il tuo 16 ampere non ti protegge…” “Che c@##o stai dicendo?!” “Io? Sei tu quello che parla dei 3 ampere al millimetro quadro…”
Stufo di quella discussione PiccoloCapo si allontanò dicendo “…non può non proteggermi, è un differenziale…”
Finsi di non sentire, per evitare di entrare in un’altra discussione sull’effettiva utilità dei differenziali (che, solo per caso, venivano chiamati anche “salvavita”…)

Commenti

Post popolari in questo blog

Il ritorno...

Comincia il lavoro

Primo incontro!