Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2010

La storia infinita

Ancora una volta, il frutto dei nostri lavori era tornato indietro dalla Russia. Ancora una volta pare che i casini fossero dovuti a una totale incompetenza di fondo di chi doveva gestire la commessa. Per chiarire meglio spiegherò più dettagliatamente la situazione: una ditta del nord-est italico aveva preso l'appalto per questo immenso lavoro, ovviamente senza capire un cassero delle condizioni contrattuali (tanto chi se ne frega? Si fa il prezzo basso per cuccarsi l'appalto, poi giù di varianti e variantine, per specularci bene sopra, come si fa in Italia.. peccato che questo lavoro non fosse in Italia..). In base alle richieste dei Russi, costoro scoprirono a loro spese che: i lavori sul posto dovevano essere fatti esclusivamente da imprese locali: il loro incaricato avrebbe fatto il responsabile di cantiere (ok, risparmiano i cantieristi e le trasferte estere); occorreva presentare un progetto a livello esecutivo di tutto, anche di quello che loro non sapevano fare (st

Dove sono le canaline?

Suona il telefono, e vedo che è il numero interno di Segretaria. “Ciao Segretaria, cosa c’è?” “Ciao MK, ho una telefonata per te.” “Chi è? CapoDiFuori?” “No, è qualcuno dalla Russia..” “Azz.. e che ci faccio io con i russi?” “Dai, PiccoloCapo non c’è e questi devo pur passarli a qualcuno..” “Ok, ma se attacca a parlare in russo, io attacco direttamente!” “Buon divertimento, allora..” E mi passa la chiamata “PuonCiorno, tu essere di Grande Suocietà?” “Si, sono MK” “Tu sapere di nuostro lavuoro?” “Qualcosa la so..” ( l’ho fatto io.. ) “Alluora, nuoi avere su vuostro compiuto mietricuo una quantità di canarine, ma nuoi nuon capire duove essere queste canarine in vuostri disegni” “Uhm.. di quali disegni stiamo parlando?” “Quelli su carta..” “Ahahah! Spiritoso... no, mi serve il numero del disegno, il codice alfanumerico in basso a destra...” “Ah, da.. il cuodice è..” e spiattella lettera per lettera e numero per numero la sigla enorme che individua i nostri disegni secondo le cod

Stavolta mi tocca...

Immagine
Quando tocca, tocca! E stavolta tocca a me! (invecchiare, intendo...)

Come dove vede i cavi?

Quel giorno ero da PiccoloCapo quando gli squilla il telefono. Dalle imprecazioni che fa con Segretaria, capisco che dall’altra parte ci saranno i russi.. “Allora, mi dica..” “Si, le centraline sono su quel disegno..” “No, sono anche sull’altro disegno!” “Allora, ogni disegno rappresenta un piano..” “Nel primo disegno ci sono alcune centraline, perché sono su quel piano..” “Nel secondo disegno ci sono altre centraline, perché sono quell’altro piano..” “I cavi di interconnessione.. quelli che vanno da una centralina all’altra.. da un piano all’altro.. quei cavi passano da un disegno all’altro!” “No, ci sono le note di collegamento tra i disegni.. il testo, scritto sia in italiano che in russo..” “Si, da un disegno all’altro vedrà la nota di passaggio dei cavi..” “Le linee sono i cavi!” “Come dove vede i cavi?” “Dentro il disegno..” “Apra il disegno e vedrà i cavi..” “Si, i cavi sono quelli disegnati con le linee..” “Perché? Come avremmo dovuto disegnarli?” “Senta, apra

Che modo di lavorare..

Era un periodo difficoltoso: io stavo completando una delle tante fasi della campagna di Russia, PiccoloCapo stava coordinando il mio lavoro con le aggiunte che venivano richieste giornalmente dall'Est.. (gli altri membri dell'equipe stavano provvedendo a continue ravanate al proprio apparato genitale e a tenere aggiornati i propri profili su fess-buk) In quella, un venerdì in tarda mattinata apparve GrandeCapo in prima persona personalmente per il controllo della fecc.. truppa e disse “Visto che non c'è molto da fare, possiamo cominciare a spostare i plotter nella nuova area dedicata” (ovvero nello scantinato) Ovviamente, quando GrandeCapo da aria alla bocca, ciò che esce diventa o un comandamento o una reliquia. Progettista ha subito preso in mano la situazione decidendo di coordinare il lavoro a modo suo: "ProgettistaGiovane fa questo, Stagista fa quell'altro, Lui fa questo, Lei fa quest'altro, MK fa quell'altro ancora..." no: non aspettatevi