Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2009

CapoDiFuori passa a linux?

Un giorno, CapoDiFuori venne da me (come sempre) e mi disse: “Senti, ma tu usi Linux, vero?” “Si” “Ma è una cosa difficile come dicono?” “Dipende da chi lo dice..” “Lo dicono tutti..” “Boh, io sono parte di tutti e non lo dico!” “Dai, è difficile o no?” “Senti, io una volta sono andato all'estero: prima di partire mi sono procurato una guida e ho letto tutto quello che ho trovato sul posto, poi ho preso uno di quei manuali di conversazione e infine ho ripassato le regole grammaticali della lingua che si parla laggiù.. e alla fine non ho avuto problemi..” “Cosa vuol dire?” “Che prima di fare una cosa, è sempre meglio documentarsi! Esistono migliaia di guide e documenti vari per passare a linux senza problemi, ma la gente non li legge mai e poi chiede e quando gli chiedi di darti le caratteristiche, ti accorgi subito che la maggior parte dei componenti hardware non sono compatibili, e che lo avrebbero visto su qualsiasi guida in linea..” “Vabbè, ma io voglio sapere se è di

CapoDiFuori e openoffice

CapoDiFuori svolge la nobile professione di tutore e mentore delle giovani menti, inculcando loro le basi della cultura che li accompagnerà nella futura vita da tecnici dell'energia elettrica.. finché non si troveranno di fronte un verificatore bastardo come me.. Questa sua attività di base di insegnante gli permette di utilizzare i prodotti del pacchetto Microsoft Office (e anche il famosissimo programma relativo al disegno tecnico prodotto dalla Autodesk) a prezzo bassissimo anche, o principalmente, per l'altra attività di progettista e consulente di impianti elettrici, e in particolare si trova così bene con word che utilizza questo per tutto, compreso il fare tabelle e computi metrici che, forse, con excel riuscirebbero un pochino meglio.. Peraltro, collaborando con noi ha scoperto l'esistenza di openoffice, ha provato a fare una tabella e non c'è riuscito (perché le variabili che voleva inserire non avevano lo stesso nome che avevano in word) così ha detto che open

Guarda che diga..

Come ho già detto in altre storie, stanno costruendo una diga sul grande fiume, allo scopo di contenere le piene primaverili e favorire il deflusso della scarsa quantità d'acqua estiva. Ormai è qualche tempo che gli operatori si stanno dando da fare in quello che sembra sempre di più il classico “cantiere eterno”, eppure chi passa da queste parti ancora adesso difficilmente vedrà qualcosa di questo imponente lavoro, nato sotto il segno della sfiga. Erano abbastanza a buon punto con i lavori, quando arrivò la primavera e di conseguenza le piene alluvionali che distrussero completamente il lavoro, obbligando a ricominciare. Erano nuovamente a buon punto con i lavori, quando arrivò l'autunno con le pioggie e il grande fiume uscì nuovamente dagli argini, distruggendo quasi completamente il lavoro e obbligando a ricominciare. Erano nuovamente arrivati a buon punto, quando arrivò l'inverno con la più grande nevicata da almeno 20 anni a memoria mia, che distrusse completamente il

Era mio padre..

Questo post non appartiene a nessuna delle categorie più "allegre" che i lettori del presente blog sono abituati a leggere, non descrive episodi strani di cantiere o battibecchi assurdi tra colleghi né descrive le ottuse pretese di capi e responsabili di chissà cosa... e non ha nemmeno le allusioni erotiche caratteristiche degli episodi in cui è protagonista la mitica Segretaria, probabilmente il vero elemento trainante della lettura di questo sito e un personaggio di indubbio spessore caratteriale. A seguito di quanto sopra, sono sicurissimo che non verrà nemmeno letto, eppure lo scriverò lo stesso, solo perché per me è importante farlo! Il 13 aprile del 1996, 13 anni fa, malgrado gli sforzi del personale medico e paramedico della Croce Rossa Italiana, tempestivamente chiamati, si è spenta una persona che per me è stata di fondamentale importanza, e senza la quale io non sarei qui e non avrei potuto sperimentare le situazioni che ho descritto nei precedenti post del present

Telefonino aziendale..

E finalmente la Grande Società diede a CapoCantierista un telefonino aziendale, col quale potesse mettersi in contatto con chiunque dei dipendenti/collaboratori senza pagare nulla.. Un giorno andai con lui in cantiere, per seguire un punto di difficoltosa realizzazione e, mentre eravamo impegnati a “studiare la situazione”, squillò il suo telefonino aziendale. Io lo guardai e gli dissi “Rispondi pure, probabilmente è importante..” Lui mi disse “No, non è una chiamata ma un messaggio: ha la stessa suoneria e non sono capace di cambiarla!” Io lo guardai “Come un messaggio? Ti mandano i messaggini al telefonino aziendale?” “Macchè.. sembra roba di una qualche banca..” “Eh? Roba tua?” “No di certo” “Fa vedere..” Prendo il telefonino e guardo i messaggi arrivati, che effettivamente sono informazioni bancarie su prelevamenti, bonifici effettuati e pagamenti bancomat, al chè mi viene un dubbio, prendo il telefonino e chiamo in ufficio.. “Grande Società buon giorno..” “Ciao Segretaria,

Cercare un altro bar..

E' dall'inizio dell'anno (dopo le incasinature con il semiblocco totale della città causato dalle abbondanti nevicate ) che non riesco a raggiungere il mio bar preferito. No: non è che è ancora inaccessibile causa neve, ormai sono sparite tutte le tracce del disastro invernale (e di conseguenza sono sparite tutte le prove evidenti della negligenza amministrativa, ma quelle sarebbero sparite comunque...). Il fatto è che, un giorno, durante la pausa pranzo, facendo la solita strada da poco liberata e percorribile, lo vedo chiuso. Ok, è anche periodo di influenza, facile che, come per metà dello staff in ufficio, anche i baristi abbiano avuto qualche problema, ma non importa: c'è un altro locale nei paraggi che, sebbene mi piaccia poco, fa un cappuccino più umano rispetto a molti altri bar della zona. Passano i giorni, e il locale è sempre chiuso, però noto che la tenda è sempre posizionata in modo differente, cosa strana, ma sono comunque obbligato ad alternare l'altr

Dimmi dove devo prenderlo..

Era un po' che Disegnatrice era assente, per una volta per un valido motivo.. Al suo ritorno, parte del lavoro di CAD (quello che non seguo io) si è accumulato così che lei deve cominciare una routine di recupero di disegni, shampo, taglio e piega (shampo? Ops, intendevo dire stampa..) PiccoloCapo si approssima alla sua postazione e le fa “Allora, ci sono alcune decine di disegni da stampare e piegare..” “Va bene” “Si tratta della commessa GrandeCommessaCheHaCoinvoltoProprioTuttiTranneMkCheFacevaTuttoIlResto..” “Ok.. quali disegni sono?” “Allora.. nella cartella di consegna devi stampare tutto, sia su carta che facendo i PDF, poi vai nella cartella di lavoro e stampi tutto quello che c'è nelle cartelle 'elettrico' 'termico' e 'strutturale'.. per quello che riguarda i dettagli adesso preparo l'elenco poi ti dico dove sta il disegno da stampare” “Ce n'è solo uno?” “Si, abbiamo fatto un disegno in grosso formato con tutti i dettagli principa

Tassi (e tasse) di salute... (BOLLINO ROSSO)

ATTENZIONE: CONTIENE SFOGHI EMOTIVI ED ESPRESSIONI VOLGARI PIUTTOSTO PESANTI (PRATICAMENTE TURPILOQUIO), PER CUI SE VERRA' LETTO DA UN PUBBLICO MINORE, OCCORRE CHE CI SIANO INSIEME DEGLI ADULTI, IN MODO CHE I MINORI POSSANO SPIEGARE LORO I SIGNIFICATI DEI TERMINI USATI!!! t(-_-t) :-> >>:-| Non molto tempo fa, è capitato che mia mamma dovesse ricoverarsi per un grave problema. L’operazione andò a buon fine, ma la terapia è stata lunga e devastante. L’ospedale è sito in centro città, in piena ZTL, e di conseguenza in una zona che io, malgrado tutto, evito come la peste (anche perché girare in macchina in centro è una cosa da incubo comunque, a prescindere da tutte le allucinanti angherie che si inventano le varie giunte comunali per fregare i soldi dei cittadini..) Di conseguenza, uscendo dall’ospedale per il ritorno a casa abbiamo sfruttato quelle auto bianche che possono andare ovunque strafottendosene del codice stradale e delle precedenze. Arrivati a casa, dopo un