Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2012

Verona

Stando a Verona per alcuni mesi, qualcosa della città ho imparato a conoscerla. Ovviamente il punto di ritrovo (uscendo dalla caserma) era sempre la piazza centrale (piazza Bra), da dove era immediato raggiungere la stazione (per consultare gli orari per partire qualora ci scappasse una licenza) o più semplicemente prendere un caffè e passeggiare per via Mazzini girando attorno all'Arena, proseguire quindi da piazza delle Erbe verso la tradizionale casa di Giulietta, dove una folla numerosa attendeva paziente di poter palpare le tette (ormai lucidissime) della statuaria padrona di casa, e infine proseguire verso quella che veniva chiamata la Porta dei Leoni, dove in un seminterrato era possibile vagare attraverso una serie di bancarelle di libri usati, dove ho scoperto un mondo nuovo (le opere di Lovecraft, nell'edizione millelire e il libro che mi ha tenuto compagnia per tante notti di servizio, il Signore degli Anelli) A volte, la passeggiata avveniva con un amico col qu

Regalo di natale?

Stavo sistemando alcuni dettagli in merito a una situazione poco simpatica, quando squilla il mio telefono, e al solito non riconosco l'interno di chi mi chiama. “MK!” “Ciao MK, sei tu?” “Te l'ho appena detto! E poi che mi saluti a fare per nome, per chiedermi subito dopo se sono io?” “Uffa! Che scassapalle che sei! Come farà la tua ragazza a sopportarti?” “Non mi deve sopportare perché non esiste la mia ragazza, e se anche esistesse non mi sopporterebbe lo stesso, a volte non mi sopporto nemmeno io!” “Vedi allora che ho ragione a dire che sei insopportabile?” “Senti, Architetta, non ho tempo da perdere a giocare a capire cosa ti passa tra le orecchie, quindi vedi di muoverti a dirmi cosa c'è, prima che riaggancio!” “Se la smetti di agire da cafone e ti degni di venire nel mio ufficio, saprai tutto quello che devi sapere!” “Proprio necessario?” “Prima vieni, prima finiamo!” e aggancia lei. ... Mi alzo lanciando un'esclamazione che mi conferma che non sono verame

Shopping consolatorio...

ATTENZIONE!!! QUESTO POST INCLUDE SPETTEGULESS DA UFFICIO MOLTO VOLGARI E NON CENSURATI!!! E' VIETATA LA LETTURA AI MINORI ANCHE IN PRESENZA DEI GENITORI!!! Visto che di recente hanno levato la macchinetta del caffè e il boccione dell'acqua, trasferendoli al piano di sotto, ecco che ogni tanto mi capita di dover scendere (per il boccione, che il caffè ormai non riesco nemmeno più a digerirlo, da come è diventato schifoso... per capirci, se avessero usato questa miscela di caffè al posto del cemento, probabilmente il terremoto in Abruzzo non avrebbe fatto danni...). Talvolta (quasi sempre) quando scendo mi capita di beccare le fanciulle in riunione (parlo di Termica e Stagista), e così mi tocca ascoltare i loro spetteguless... E' un po' di giorni che Stagista ha un'espressione assente, al punto che talvolta ti guarda dritto in faccia, senza nemmeno vederti, ma conoscendola è probabile che sia solo un'estrapolazione del vuoto interno che traspare anche all&

Un insegnante particolare

Un giorno lontano, al politecnico, ebbi un insegnante veramente in gamba (non solo uno, a dire il vero, ma oggi parlo di questo in particolare), un insegnante che spiegava i concetti fondamentali della sicurezza elettrica, che chiariva e spiegava le normative trasformando il linguaggio astruso e tipicamente legalese in qualcosa di pratico e sensato, adatto a essere compreso e applicato anche da dei tecnici incapaci di comprendere il legalese, quali saremmo diventati noi, più preparati nel risolvere i problemi di funzionamento, affidabilità e sicurezza di un impianto che nel leggere delle arringhe avvocatesche alla Perry Mason... La mia stessi tesi di laurea si rifaceva in gran parte ai problemi di sicurezza e attingeva a piene mani dal corso di questo professore. Dopo il periodo di studio (e il mio primo impiego a tempo determinato per lo stato), cominciai a lavorare per varie imprese, e mi resi conto che queste utilizzavano moltissimo le normative (ovvio: è possibile ma difficiliss

Buon Anno

Immagine
Auguro a tutti voi che il nuovo anno vi porti solo cose belle e sia migliore di quello appena trascorso (a prescindere da tutte le voci e le notizie che si sentono comunque e da eventuali profezie maya, incas, azteche e tolteche).