Disclaimer

Questo blog utilizza cookie tecnici propri, ma possono essere presenti cookie anche di profilazione di terze parti. Tali cookie serviranno per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso.

Per maggiori informazioni vedere la nostra cookie policy


---------------------

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Appunti dalle Tenebre...

Il mondo è immerso nelle tenebre,
in lontananza un campanile rintocca la mezzanotte,
ancora più lontano si odono lugubri ululati mentre il vento sospinge filamenti di nubi che assumono strane espressioni ultraterrene sorvolando le case...
i miei compagni svolazzano tra le tenebre, sotto forma di pipistrelli,
e io sto cominciando a sentire impellente la necessità di assaporare il fluido scarlatto, il rosso nettare fonte di vita...
le mie membra stanno già avviando i processi di mutazione che mi porteranno a breve a solcare i cieli nelle sembianze di un comune chirottero,
nel mio crudele ma inevitabile ruolo di predatore maledetto della notte...

giovedì 11 maggio 2017

Viaggio avventuroso, prima parte...

Avevo solo 8 anni!
Era la prima volta che salivo sul treno per un viaggio così lungo: 30 ore previste, ma quasi sicuramente sarebbero state di più!
Non so nemmeno io cosa pensassi, ma sapevo che un angolo del mio cervello era contento: mi è sempre piaciuto viaggiare, anche se non avevo mai fatto nulla di simile.
Anche adesso, sovente, preferisco il viaggio nella sua essenza all'arrivo a destinazione, anche se questo probabilmente fa parte della mia natura strana e folle.
Lo scompartimento era vuoto, stranamente, e ci entrammo, i miei genitori, mia sorella e io.
Sistemati i bagagli sugli appositi sostegni, ci sedemmo e cominciammo a guardare fuori dal finestrino, osservando il treno sul binario accanto che si preparava a partire per la sua destinazione, col proprio carico di umanità a bordo.
Non era ancora proprio piena estate, quindi il treno non era proprio completamente pieno, nel momento che, con uno strattone, si mise in movimento.
Non ricordo volte precedenti in cui vidi l'uscita dalla stazione di Porta Nuova: tutto era nuovo ai miei occhi, anche se riconoscevo alcune delle strade che ogni tanto passavano davanti al finestrino.
Alla fine, il treno uscì dalla città e Torino sparì lentamente all'orizzonte, sostituita prima dai numerosi paesi della cintura, poi da campagne intervallate occasionalmente da gruppetti di case.
Io e mia sorella ci divertivamo a guardare questo mondo nuovo.
I nostri genitori erano impegnati a chiacchierare tra loro.
A un certo punto il treno rallentò e apparve la città di Asti, quindi si fermò in stazione e ci fu un primo scambio di passeggeri prima che ripartisse.
La porta dello scompartimento all'improvviso si aprì e un uomo in uniforme chiese i biglietti, li prese dalle mani di mio padre, li punzonò con una strana pinza e poi li restituì, chiudendo la porta e andandosene.
Il treno raggiunse quindi Alessandria, dove si fermò nuovamente alcuni minuti, poi ripartì e puntò deciso verso le montagne.
Alla fine delle gallerie qualcosa nell'aria mi fece capire che c'era stato un cambiamento: non eravamo più in Piemonte, ma in Liguria, e mentre Genova si approssimava, cominciai anche a vedere in distanza il mare.
Era un'emozione nuova: raramente prima di allora avevo visto il mare, ma sapevo che non era ancora giunta la nostra destinazione: non era l'allora sporco mare ligure la nostra meta, ma il lontanissimo mare della Sicilia, sempre che fossimo riusciti a vedere il mare...
Il viaggio proseguì lento nella sua monotonia, una volta finito di guardar fuori per via della notte, una volte finito di mangiare i panini preparati da nostra madre, una volta finito di leggere i fumetti che ci eravamo portati dietro, una volta andati a svuotare la vescica nel gabinetto all'inizio del vagone, osservando il terreno che correva rapido e monotono sotto il foro di scarico della tazza, l'unica alternativa possibile era dormire, mentre il treno sferragliava lungo la costa tirrenica, superando una dopo l'altra le varie regioni che avevo dovuto studiare in geografia a scuola...
Ci risvegliammo accorgendoci che il treno era fermo da un po', mancava l'ormai familiare dondolio.
Il caos della stazione Termini ci accolse quando osservammo dal finestrino, spaventandoci un po'.
La porta dello scompartimento si aprì e un uomo entrò, posando la sua valigia e sedendosi in uno dei due posti liberi.
Alla fine ripartimmo, andando al contrario rispetto a prima, al punto che chiedemmo se stavamo già tornando indietro, suscitando una certa ilarità, prima delle dovute spiegazioni.
Altra apparizione improvvisa di un addetto al controllo dei biglietti.
Attesa osservando il vuoto fuori dal finestrino, mentre lo sconosciuto leggeva un giornale dal titolo strano, facendo contemporaneamente a gara con mio padre nel fumare sigarette.
Dopo un po', mentre divoravamo un ulteriore panino e osservavamo i cieli sconosciuti e le terre ignote dei luoghi dove nacque gran parte della storia italiana, capimmo che eravamo nuovamente in procinto di fermarci,  e ci accolse il caotico frastuono napoletano...
Ancora una volta entrò qualcuno nello scompartimento, sedendosi nell'ultimo posto libero, ma lasciando la porta aperta per parlare con gli amici che erano seduti a terra nel corridoio di fronte...
Poco tempo dopo, i giovani napoletani scesero e una donna prese il posto di colui che era seduto nello scompartimento.
Ancora oltre, girarono voci cupe, mentre le gallerie si susseguivano ininterrotte le une alle altre, e il serpente sferragliante si inoltrava (non più tanto rapido) nel mezzo della Calabria... fino a giungere alla punta estrema dello Stivale.
Nel giro di un'ora, assistemmo alle imponenti manovre per far entrare il treno dentro il traghetto, smembrandolo in piccoli gruppi di vagoni.
Un indecifrabile periodo di tempo dopo, il ronzio e il rollio ci fecero capire che eravamo in movimento e il traghetto stava attraversando lo Stretto...
Mezz'ora dopo attraccammo, mio padre mi disse che era necessario tutto quel tempo per aggirare le forti correnti, infatti a me sembrava strano che ci volesse mezz'ora per attraversare una striscia di mare così piccola!
Un'altra ora e il treno venne nuovamente riformato, e spostato nella stazione di Messina.
Ero in Sicilia! Per la prima volta da che mi ricordavo (anche se mi hanno detto che in realtà era la terza volta, ma le precedenti ero davvero troppo piccolo, e non ricordavo nulla) avevo attraversato l'Italia e varcato lo Stretto.
A questo punto cominciava la parte peggiore del viaggio: lo smembramento continuo dei vagoni separati per destinazioni, la lentezza esasperante del treno nel procedere lungo la costa siciliana, le infinite fermate a quasi ogni centro abitato... avevo quasi voglia di tornare indietro!
Alla fine arrivammo comunque a Siracusa, dove scendemmo dal treno (che concludeva lì la sua corsa) e ci avviammo verso la carrozza che aspettava (mi dissero che si chiamava "littorina", anche se non capivo che razza di nome fosse) e che, dopo alcuni minuti, partì, inerpicandosi nelle montagne interne, mentre il sole tramontava.
A mezzanotte passata, scendemmo finalmente e, dopo una breve scarpinata, giungemmo a una casa a pianterreno con terrazzo, mio padre si fece luce con la torcia elettrica e aprì la porta chiusa a chiave ed entrammo, un attimo prima che le luci dell'illuminazione pubblica venissero spente, spaventandoci un po' per l'improvviso buio, in attesa che, sempre con la torcia elettrica, mio padre accendesse il contatore della luce e quindi le lampadine della stanza.
Anche se non era la prima volta, per quanto mi ricordo io questa è stata la prima volta che ho visto la casa dei miei nonni in Sicilia...

mercoledì 26 aprile 2017

ET... Telefono... Casa...


"Buongiorno, sono PincoPallo di TeleKomA Italia. Abbiamo un'offerta strepitosa per lei! Lei ha un telefono, vero?"
"Si: quello da cui le sto rispondendo!"
"Perfetto! Se le interessa, le possiamo offrire telefono fisso e internet a casa, con contratto agevolato, adsl o fibra ottica.
Se vuole la fibra avrà internet illimitato con ben 100 mega disponibili!"
"Che vuol dire internet illimitato?"
"Che può stare collegato fino a 24 ore al giorno senza sovrapprezzo!"
"Praticamente quello che mi da già fastweb! E quanto chiedete per quest'offerta miracolosa?"
"SOLO 29.90€/mese per il primo anno e 39.90€/mese per gli anni successivi! Iva compresa! E nessun sovrapprezzo per la connessione 24 ore! E avrà a disposizione ben 100 Mega!!!"
"I 100 Mega saranno garantiti costanti o diminuiranno con l'aumento degli utenti!"
"No no, saranno costanti! Caleranno un po' col tempo ma è normale: si declassano..."
"E questa offerta quanto dura?"
"A vita! i 39.90 al mese valgono per tutta la vita!"
"La vita di chi?"
"La sua, mi pare ovvio!"
"Quindi lei mi propone la stessa cosa che mi da ora fastweb, con un declassamento per aumento utenza notevole rispetto a fastweb (che ancora adesso mi da 95 mega effettivi sui 100 nominali) e mi offre il tutto con un prezzo superiore a quello di fastweb?"
"Eh?"
"Mi spiace, ma non mi interessa!"
"Ah... vabbè... buongiorno..."
Click!

mercoledì 22 marzo 2017

Suonala ancora, Sam...


Fu in quel momento che, guardando fuori dalla finestra, capii che era ormai finita!
La vidi mentre si allontanava lungo la strada, 3 piani più sotto, camminando rapida senza voltarsi.
Continuai a guardarla mentre diventava sempre più piccola e distante, anche quando era ormai praticamente impossibile vederla o distinguerla dal resto.
Continuai a guardare senza più alcuna speranza di rivederla: in fondo sapevo benissimo che non sarebbe più tornata o che, se per caso fosse tornata, nulla sarebbe stato più come prima.
Ero triste!
Un groppo in gola mi toglieva il respiro!
E' vero: l'avevo trattata male, molto male!
Non avevo rispettato le promesse che le avevo fatto, anche se sapevo bene che me le aveva estorte e non erano state fatte spontaneamente, cosa che mi faceva sentire meno in colpa ma sempre male lo stesso.
Guardai ancora: era ormai impossibile distinguere qualsiasi cosa, eppure sapevo che era lì, sentivo che alla fine si era voltata e guardava anche lei quell'edificio che lei continuava a distinguere, pensando forse che alla finestra c'era chi cercava il suo sguardo invano.
Non so cosa sia successo, non so cosa accadde negli attimi successivi, ma so che all'improvviso presi la mia decisione: afferrai il giaccone e scesi le scale di corsa, raggiungendo la strada e dirigendomi nella stessa direzione in cui l'avevo vista scomparire.
La distanza era enorme e le condizioni atmosferiche non aiutavano: neve, fango, freddo, ghiaccio... tutto si parava contro di me per impedirmi di portare a termine l'unico gesto intelligente che potevo ancora fare!
Tutto l'universo tramava contro di me, ma quando una cosa mi interessa davvero nemmeno l'universo può nulla per ostacolarmi!
La vidi in distanza: era ferma, immobile, voltata verso l'edificio, e a un certo punto mi vide.
Il suo viso cambiò espressione!
Mi guardò in un misto di emozioni in cui lo stupore predominava, incerta se venirmi incontro o scappare via.
Approfittai di tale incertezza e la raggiunsi.
Allungai il braccio verso di lei, lei mi afferrò la mano e mi aiutò a superare l'ultimo dislivello ghiacciato.
La guardai un istante, lei mi fissò: i suoi occhi erano fissi sui miei, le sue labbra erano incerte se sorridere o prepararsi per un bacio, le sue guance stavano arrossendo, che era sicuramente meglio che diventare cianotica per il freddo.
Le sorrisi, abbracciandola stretta stretta.
Lei si accocolò contro di me, aspettandosi anche un bacio, ma restò sconcertata quando le chiesi "Ma ti pare che ti lasciavo andare via così?"
Mi guardò un attimo, prima di rispondere "Perchè? Che intenzioni hai?"
"Vuoi davvero andartene?"
"Certo: lo voglio... e devo farlo...!"
"Sei sicura?"
"Si... credo..."
Le labbra si poggiarono sulle sue, un lungo istante mentre abbassavo la mano lungo la sua schiena, sfiorandole le chiappe, prima di spostarla sul manico del suo borsone.
Lei mi guardò e sospirò, poi chiese "Perchè stai facendo questo?"
"Così avrai un motivo per tornare!"
"Credi che non ce l'abbia già un motivo per tornare? ...e uno per andare...?"
"Certo, ma in questo modo sono sicuro che tornerai!"
"Lo sai che non dipende da me!"
"Appunto! Ma se per caso non dovessi tornare, in questo modo nulla andrà sprecato!"
"Stronzo!!!" e si voltò, avvicinandosi al taxi che si era accostato.
La guardai salire, poi abbassò il finestrino e disse sorridendo "Non finirle tutte, che lunedì sera sarò di nuovo qua!"
"Tranquilla: ne lascerò un paio per il pranzo di martedì! Mangiamo insieme?"
"Ovvio, come sempre!" disse mentre il taxi partiva per portarla verso l'aeroporto e io rispondevo al suo saluto un attimo prima di voltarmi, raccogliere il suo borsone e tornare in ufficio.
Lungo la strada aprii il borsone e ne assaporai il profumo: per il weekend ero a posto, c'erano abbastanza pizze fatte in casa, con le sue mani... non dovevo adattarmi a pranzi strani in qualche locale serbo...

mercoledì 21 settembre 2016

Lungo la strada del ritorno...

Rientro dal meeting.

Buio pesto in autostrada, nemmeno tanto traffico tutto considerato.


Procedo tranquillo a velocità di crociera (100 km/h) mentre l'autoradio manda il meglio che può offrirmi.


Davanti di me, a distanza, i rossi fanali di coda di qualche auto e nello specchietto ogni tanto appare da qualche curva la bianca luce dei fanali di auto che mi seguono, anche loro senza fretta.


A un tratto un lampo accecante nello specchietto, e appare un qualcosa che si avvicina a velocità "warp 99" sulla seconda corsia, continuando a lampeggiare per rendermi noto che si stava approssimando.


Non ho intenzione di prendermela più di tanto, e me ne sto tranquillo nella mia corsia a destra, mentre il bolide mi raggiunge e mi supera in un istante infinitesimo (credo che andasse almeno a 200/230) sparendo all'orizzonte (dietro una curva) un istante dopo, in un tratto dove il limite massimo è 110, e ci sarà pure un motivo per un limite simile.


Mentre passava, mi è sfuggito rapido un accenno di parola, qualcosa che doveva essere un saluto ma è suonato più come «Schiantati e crepa!»


Ammetto che non volevo dirlo, e chi mi conosce sa che sono gentilissimo e non impreco praticamente mai alla guida (e i cimiteri sono pieni di gente che sosteneva il contrario!!! ;) )


Ammetto che non era mia intenzione dire nulla di simile e non intendevo augurargli nulla di male... ok, nemmeno nulla di bene, ma questo non conta!!!


Quando ho raggiunto anch'io la curva successiva a quella dov'era scomparso alla mia vista, ci sono rimasto davvero male: non credevo di avere simili poteri arcani!!! :O 


Ho sentito il sinistro rumore già diverse centinaia di metri prima, tanto era forte e inequivocabile!


Il tentativo inutile di effettuare una frenata ai limiti del razionale, il cupo boato delle ruote che perdono aderenza e si consumano in una fumata ai limiti dell'esplosione, il fragore del guard-rail che tenta disperatamente di resistere allo sfondamento, i pezzi di lamiera che si disintegrano e schizzano da tutte le parti...


Le luci vorticanti dei lampeggianti blu, le sirene, i volti sconcertati dei soccorritori impegnati a estrarre i resti dalle lamiere contorte... 


No, non volevo dire quello che ho detto!


Anche se ammetto che sono uno che impreca parecchio mentre guida, anche se ammetto che ho il vaffanculo facilissimo e riesco a tirar fuori una serie di insulti che lascerebbero senza parole persino "Er Monnezza", anche se ammetto che a certi automobilisti infilerei volentieri la canna della pistola in gola e poi svuoterei il caricatore, però non avevo intenzione di dire quello che ho detto!


In ogni caso l'ho detto!


E un attimo dopo, mentre zigzagavo tra i rottami per allontanarmi dalla scena e lasciar spazio a chi era più indicato per gestire, mi sono reso conto che... non avevo realmente nessun pentimento, al punto che mezz'ora dopo ho ripetuto la stessa frase verso un altro coglione che mi ha sorpassato lampeggiandomi da diversi chilometri prima, mentre procedevo tranquillo sulla mia corsia...

giovedì 15 settembre 2016

Amnesia...


Ma si può essere accusati e quasi ammazzati per una banale dimenticanza? :O 
 
Telefonata incazzatissima, misto di urla, insulti e lacrime!
Ha cominciato con un "Dove cazzo sei finito?" e dopo frasi irripetibili in qualsiasi ambiente, ha concluso con un "Va a farti fottere!!!"
 
E tutto per una banalissima dimenticanza che non era nemmeno del tutto colpa mia!
 
Ho dimenticato l'impegno che avevo per quel giorno, ma mi conosceva bene: avrebbe fatto bene a rammentarmelo anche il giorno prima, conoscendo la mia memoria per i dettagli irrilevanti quando ho diecimila cose importantissime da gestire... :(
 
Peccato!
 
In fondo all'inizio mi è dispiaciuto per come ha reagito, ma dopo un po' di tempo ho comunque ripreso la mia solita vita senza problemi e lei non l'ho mai più rivista, ma in quei momenti ero davvero sicuro che mi avesse voluto uccidere... e tutto perchè si è dimenticata che anch'io posso dimenticare le cose!!!
 
...
Se non mi mandi l'invito, come cacchio vuoi che faccia io a ricordarmi di venire al tuo matrimonio???
 
...
E ti assicuro che quando ho mille cose serie a cui pensare non c'entra proprio un cazzo la scusa banale che io dovrei sapere la data in quanto dovrei essere lo sposo...

giovedì 8 settembre 2016

Il mondo del se...


Ovvero, cosa sarebbe successo se...?

Il primo esempio che mi viene in mente è cosa sarebbe successo se me ne fossi fregato del mobbing esasperato e dei trattamenti ai limiti della denuncia penale che mi furono riservati in Serbia?
Se avessi accettato di soddisfare il bene aziendale e andarmene in Brasile, sperduto per anni in mezzo alla foresta amazzonica per costruire l'ennesimo stabilimento?
Cosa sarebbe successo se avessi accettato di vivere in una città sull'oceano, senza possibilità di balneazione per l'incredibile numero di squali e di farmi ogni giorno 9 ore di lavoro sommate a 3 ore in andata e 3 ore in ritorno su un autobus scortato da autoblindo militari per raggiungere un luogo nel mezzo della foresta dove stavano disboscando per costruire il nuovo stabilimento?
Già! Cosa sarebbe successo?
...
Semplice: quasi sicuramente avrei molti soldi a disposizione, molto probabilmente non sarei mai più tornato in Italia, certamente non avrei avuto un solo momento di vita privata, difficilmente sarei ancora vivo e sicuramente non starei scrivendo queste cazzate...
...
O forse sarei ancora vivo e mi starei domandando cosa sarebbe successo se avessi reagito alle angherie ricevute in Serbia e me ne fossi tornato in Italia, abbandonando al proprio destino una ditta che quasi sicuramente non sarebbe durata a lungo, ma avrebbe poi chiuso, abbandonando il proprio personale sperduto in giro per il mondo...
...
E cosa sarebbe successo se io fossi davvero quel mercenario che mi hanno accusato di essere?
...
Ma soprattutto, cosa sarebbe successo se la tastiera del computer si fosse rifiutata di dar seguito alle pressioni delle dita sui tasti? Che sicuramente nessuno leggerebbe queste frasi e tutti vivrebbero egualmente felici e contenti.
...
Comunque non importa, adesso la domanda fondamentale è cosa succederà se tutti i server di internet dovessero distruggersi cancellando le note di ogni utente?
Gli utenti i cui dati verrebbero cancellati sarebbero mai esistiti? Sopravviveranno alla cancellazione? O scompariranno con essa?
Ma soprattutto, a me che cazzo me ne frega???

domenica 4 settembre 2016

Non posso farci niente...


Difficile vivere con il mio fascino!

Stamattina accompagno mia sorella a prendere qualcosa in un negozio, entriamo e, mentre lei sta chiacchierando con la negoziante, io vengo avvicinato da una moretta carina che mi ha letteralmente sedotto dentro il negozio stesso... :P

Si è avvicinata, mi ha annusato poi ha poggiato il muso contro la mia mano e ha cominciato a leccare, fino a quando non ho potuto fare a meno di cominciare a carezzarla, e ovviamente lei non aspettava altro... :)

Una cucciolona bellissima :)

Alla fine la negoziante mi ha chiesto se avevo un cane anch'io, le ho risposto di no e mi ha detto "Strano, di solito si comporta così solo con gente che ha dei cani... Evidentemente lei le è simpatico!"

Eheheh... il mio fascino incredibile (nel senso che non ci crede nessuno) continua a sedurre senza ritegno... :P

Idee regalo della mia sorellina

I LAVORI DELLA MIA SORELLINA
Se siete interessati ai suoi lavori e volete acquistarli o ordinare qualcosa di personalizzato, la potete contattare alla mail:
lqfantasia at gmail dot com

Cloreen, la principessa senza regno

Image and video hosting by TinyPic
Un nuovo autore si affaccia sul panorama letterario con il suo primo romanzo.

Un'avvincente storia fantasy da leggere tutta in un fiato, dove colpi di scena e avventura vi accompagneranno fino alla fine.
Una ragazza che combatte contro il destino e si crea il suo destino.

Adatta per ragazzi e per adulti.
Da leggere!

Prezzo Euro 1,00 (formato ebook e pdf)
Euro 7,00 (+ spese spedizione) cartaceo (pagg.131)

Per ogni informazione potete scrivermi all'email: miky666ykim@gmail.com

Nota: è in vendita anche la copia dell'illustrazione di copertina in formato A4 (20,7 x 29,4), se siete interessati potete mandare richiesta all'indirizzo email lqfantasia@gmail.com.

Per vedere l'immagine potete andare qui.

Vendita computer

Di seguito, espongo le caratteristiche del computer in vendita:

Personal Computer
Scheda madre: ASUS M2NPV-VM
Processore: AMD Athlon 64 X2 Dual Core Processor 3800+
RAM: DIMM 667 MHz 1GiB (espandibile fino a 4)
Scheda video integrata: nVidia GeForce 6150
HDD: Maxtor 6G160P0 da 160 GB (149 GiB)
Porte: seriale, parallela, USB (5), FireWire
Drive: floppy, lettore/masterizzatore CD/DVD
Scheda di rete ethernet e scheda modem per connessione internet
Sistema operativo preinstallato: GNU/Linux Ubuntu 10.04.1 LTS
Programmi preinstallati: tutti quelli compresi nell'installazione di Ubuntu

Eventuale: disponibile monitor CRT 15" o 17"

Elenco hardware presente disponibile

Elenco programmi installati disponibile (tutti quelli compresi in una installazione standard di Ubuntu 10.04.1 LTS)

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Se interessati (e per qualsiasi chiarimento), mandate una mail a miky666ykim@gmail.com


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------