Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2011

Chi ci va alla riunione che io non c’ho voglia?

Ci sono alcuni lavori (gestiti direttamente da SuperAmministratore, in genere) che coinvolgono tantissime persone e richiedono continuamente di effettuare riunioni di cantiere. Peccato che SuperAmministratore parta in quarta pieno di entusiasmo, ma alla prima riunione dove cominciano a sorgere problemi, perda tutto l'entusiasmo, si rintani dietro la classica frase “Controlleremo e vi faremo sapere..” e decida di non farsi più vedere. Da quel momento, quando arriva il giorno delle riunioni periodiche comincia a girare i suoi fedeli collaboratori (la TermoCoppia, ovvero Termico e Termica) e a cominciare discorsi del tipo “Ma alla riunione di domani chi ci va?” Loro lo guardano senza rispondere (e senza offrirsi volontari) e lui prosegue “Dovrei andarci io, ma ho un impegno insormontabile e improrogabile..” (solitamente una partita di tennis o una gita in montagna) “..e non posso proprio fare nulla!” Poi si volta verso Termico “Ci vai tu, che sai tutto?” “No, non posso: io non ho

utonti fai da te...

Immagine
La settimana scorsa, approfittando di una ormai rara giornata di bel tempo in questo periodo da diluvio universale, sono andato all' ikea , partendo al mattino presto per approfittare dell'offerta sulla colazione ( aprono alle 10 e fino alle 10.30 offrono brioche e cappuccino a 1 euro, per giunta i primi arrivati possono anche prendere gratuitamente un bicchiere di succo di frutta e alcuni biscotti , che volete di più? :D ) Dopo la colazione abbondante, è necessario passeggiare per digerire, e cosa c'è di meglio che seguire il labirintico percorso in mezzo alle idee degli architetti? Girando e vagando, mi capita di soffermarmi davanti allo scaffale dove sono esposti alcuni oggettini che potrebbero anche essere utili in casa. Mentre sono lì che osservo, si avvicina una giovane coppia che, presumo, è in procinto di metter su casa insieme. Lei guarda gli oggettini e chiede a lui «Amore, cosa sono questi?» Ovvio che leggere il nome in svedese è praticamente impossibile, m

Il ritorno del cantierista solitario..

Quel giorno sentii una puzza di sigaro allucinante, al punto che esclamai “Se non fosse che è dall’altra parte dell’Italia, penserei che ci sia in giro Architetto..” e neanche un minuto dopo, entrò Architetto.. Accorriamo tutti a salutarlo e informarci sull'andamento dei lavori in quel cantiere eterno, che stranamente non è più eterno, essendo giunto al punto che la Direzione Lavori ha potuto tornare in sede. In effetti, pare che il lavoro di quel cantiere sia realmente giunto alla fine, per cui Architetto è potuto tornare indietro, per la gioia della moglie , in attesa che GrandeCapo gli affibbi una nuova missione impossibile. Il suo ritorno implica comunque un paio di cosette: 1) il fatto che avrò finalmente un po' di compagnia nella ricerca di un bar; 2) il fatto che la mia ordinazione classica si trasformerà da cappuccino a caffè corretto.. moooltoooo corretto..; 3) il fatto che la nostra vicina sarà felice di sentire nuovamente puzza di sigaro, e ricomincerà quindi a manda

A domanda risponda!!!

Lo so che non è venerdì, ma proprio stamattina ne ho sentita una che è degna di essere condivisa con i miei affezionati lettori, quindi ecco l'edizione straordinaria del tiggì... tarata tarataaaa...  :D Allora, per vari motivi stamattina mi trovavo nella sala d'attesa di un ortopedico-podologo (o di un ortopodico? boh!), e mentre aspettavo entra un cliente (bianco, statura media, corporatura tra il normale e il robusto, giacca e cravatta, 24 ore, appena uscito da un parrucchiere completo di manicure, aria arrogante da "SoTuttoIo" e comportamento del tipo "IoSonoUnDioEGliAltriSonoMerde"). L'addetta al bancone (che, preciso, fa di tutto per rendersi ancora più antipatica di quello che è), gli presta attenzione e inizia un dialogo quasi surreale, tra i due (AB = Addetta al Bancone e CD = Cliente Deficiente): NOTA: leggetelo tenendo conto che AB usa un tono del genere "che scassamarroni" e CD usa un tono del genere "quest'idiota non cap

Nessuno stampi! 3

Ed è il turno di RSPCapo... Lancia una stampa qualsiasi, che ovviamente resta poi abbandonata sulla stampante, dato che lui si è magari distratto per seguire le novità sul sito internet di quello staterello alla periferia della capitale o sta pensando a inventare nuove punizioni per coloro che disubbidiscono ai suoi sacri moniti (e magari hanno pure letto libri da scomunica come il Codice da Vinci...) Fatto sta che dopo almeno un paio d'ore, si ricorda di aver stampato qualcosa, corre alla stampante e, essendo la stampante unica e non essendo lui l'unico distratto, trova un malloppo di fogli, che getta incurante sul pavimento cercando di trovare nel fondo quelli che sarebbero i suoi fogli. A questo punto, se ritrova i propri fogli, talvolta raccoglie quelli da terra e li ributta sopra la stampante senza alcun ordine, lasciando ai legittimi proprietari il compito di riorganizzare relazioni e capitolati, ma la maggior parte delle volte li lascia a terra, per permettere a qu

Ma quanti disabili ci andranno in quel bagno?

E venne il giorno in cui ArchitettoSenzaRitegno si presentò presso l'ufficio della Grande Società per chiedere a SuperAmministratore di affiancarlo in una nuova impresa ai confini della realtà. Aprì una serie di planimetrie di un capannone industriale riattrezzato come padiglione espositivo per qualche fiera, spiegando le sue scelte progettuali e chiedendo supporto per la parte impiantistica. SuperAmministratore non si fece pregare, ma aveva bisogno di un consulente per la sezione elettrica, e quel giorno l'unico a portata di mano ero io... Andammo tutti in Sala Riunioni, dove ArchitettoSenzaRitegno illustrava i dettagli delle planimetrie, rivelandoci come sarebbe stato tutto bello e luminoso con le costosissime lampade che voleva installare (tanto è un progetto pubblico, chissenefrega se le lampade costano un po' di più..) e di come aveva perso un sacco di tempo a valutare le rifiniture più inutili e costose, riducendo a limiti insostenibili il tempo a disposizione per v