Disclaimer

Questo blog utilizza cookie tecnici propri, ma possono essere presenti cookie anche di profilazione di terze parti. Tali cookie serviranno per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso.

Per maggiori informazioni vedere la nostra cookie policy


---------------------

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Appunti dalle Tenebre...

Il mondo è immerso nelle tenebre,
in lontananza un campanile rintocca la mezzanotte,
ancora più lontano si odono lugubri ululati mentre il vento sospinge filamenti di nubi che assumono strane espressioni ultraterrene sorvolando le case...
i miei compagni svolazzano tra le tenebre, sotto forma di pipistrelli,
e io sto cominciando a sentire impellente la necessità di assaporare il fluido scarlatto, il rosso nettare fonte di vita...
le mie membra stanno già avviando i processi di mutazione che mi porteranno a breve a solcare i cieli nelle sembianze di un comune chirottero,
nel mio crudele ma inevitabile ruolo di predatore maledetto della notte...

venerdì 20 gennaio 2012

Regalo di natale?

Stavo sistemando alcuni dettagli in merito a una situazione poco simpatica, quando squilla il mio telefono, e al solito non riconosco l'interno di chi mi chiama.
“MK!” “Ciao MK, sei tu?”
“Te l'ho appena detto! E poi che mi saluti a fare per nome, per chiedermi subito dopo se sono io?” “Uffa! Che scassapalle che sei! Come farà la tua ragazza a sopportarti?”
“Non mi deve sopportare perché non esiste la mia ragazza, e se anche esistesse non mi sopporterebbe lo stesso, a volte non mi sopporto nemmeno io!” “Vedi allora che ho ragione a dire che sei insopportabile?”
“Senti, Architetta, non ho tempo da perdere a giocare a capire cosa ti passa tra le orecchie, quindi vedi di muoverti a dirmi cosa c'è, prima che riaggancio!” “Se la smetti di agire da cafone e ti degni di venire nel mio ufficio, saprai tutto quello che devi sapere!”
“Proprio necessario?” “Prima vieni, prima finiamo!” e aggancia lei.
...
Mi alzo lanciando un'esclamazione che mi conferma che non sono veramente ateo e mi dirigo verso la scala a chiocciola, scendo, attraverso la sala plotter e la sala riunioni/mensa/scantinato e risalgo dalla scala a chiocciola dall'altra parte, quindi mi dirigo verso il suo ufficio e, memore dei trascorsi, busso, aspettando che si decida a dirmi “Avanti!”
Lei viene direttamente ad aprire la porta, guardandomi sconcertata “Entra! Ma... come mai stavolta hai bussato?” “Pensavo che potevi essere nuda e non volevo metterti in imbarazzo!”
“Stronzo! Entra e siediti!” mi fa e chiude la porta, poi si siede al suo posto e comincia con la solita pappardella “Senti, io volevo dirti che... ecco, ho saputo che te ne vai!” “Si, l'ho saputo anch'io!”
“E' solo che... ecco... io non so come dirlo, ma...” “Ce la fai prima della pausa pranzo?”
“Piantala di sfottermi! Sto cercando di dirti che mi dispiace davvero di vederti andare via!” “Boh! Troverai qualcun altro che ti risolve i problemi col plotter e col computer... sempre ammesso che ci siano ancora a lungo simili problemi!”
“Lo so: in effetti la situazione è davvero brutta, e prevedo che ben presto ci faranno fuori a tutti!” “Tu non sei dipendente?”
“Si, ma prima si liberano dei consulenti e poi tocca ai dipendenti... e alla fine ci si trova tutti per la strada!” “Non ti preoccupare: comincio io... e tu sarai sicuramente l'ultima a seguire le mie orme!”
“Perché? Credi davvero che mi tratteranno meglio degli altri? Guarda che io non sono qui solo perché sono imparentata alla lontana con GrandeCapo, ma perché mi do da fare e faccio bene il mio lavoro!” “Certo! Come no!”

Non faccio in tempo a finire la mia risposta (piuttosto caustica, lo ammetto) che mi trovo costretto a mettere alla prova i miei riflessi per bloccare al volo la sua mano, prima che piombi sulla mia faccia. Ovviamente, la fisica prevede che bloccare a mezz'aria il polso della ragazza implica che tutta l'energia cinetica accumulata si debba trasformare di colpo in un'altra forma di energia, e di solito il candidato ideale è il calore, così lei lancia un urlo di dolore “AHIA!!!” e si mette a piangere massaggiandosi il polso.
Le lacrime sul suo volto riescono stranamente a calmarmi e a instillarmi qualche barlume di umanità, al punto che, senza parlare, le prendo il polso, le sollevo la manica della maglia e comincio a massaggiarglielo in silenzio, mentre lei mi guarda stupefatta senza reagire e smettendo di piangere e lamentarsi.
Dopo pochi istanti, mi guarda con un accenno di sorriso e mi fa “Lo sai che sei proprio in gamba a fare massaggi? Mi è passato ogni dolore...” “Già! Ho un futuro assicurato come fisioterapista...”
“Beh, comunque sei in gamba! Riesci mica a farmi un massaggino alla cervicale?” e si gira dandomi le spalle “No, cara! Meglio che eviti di farti mettere le mani intorno al collo da me... potrei approfittarne!”
Lei si gira, guardandomi fisso negli occhi, mentre un'ondata del suo profumo mi colpisce e mi rendo conto che è un profumo leggero e piacevole. La guardo negli occhi. Non avevo mai notato i suoi occhi: nocciola, profondi e luccicanti, come non avevo mai notato le lentiggini sul naso e nemmeno il fatto che fosse leggermente strabica, ma una cosa impercettibile e persino graziosa, che rende unico il suo viso.
“E chi ti dice che mi dispiacerebbe se tu ne approfittassi?” “Solamente la mia esperienza in merito!”
Lei mi guarda sempre più intensamente, le sue labbra si muovono avvicinandosi a me “Ne sei sicuro?” "E' sempre stato così!"
Si fa ancora più vicina, siamo ormai a contatto e mi sta abbracciando, e mi rendo conto che la sto abbracciando anch'io, mentre le sue labbra sono ormai prossime alle mie e lei sussurra con un filo di voce calda e sensuale “Ne sei davvero sicuro?”
Non le rispondo nemmeno. Non posso. Le labbra si sono fuse insieme, mentre le mani scivolano alla scoperta dei rispettivi corpi.
Il suo ufficio non è esageratamente comodo, ma ha il vantaggio di avere una scrivania lunga e relativamente vuota.
...
Sicuramente un regalo di natale più piacevole di quello che mi hanno dato i capi, peccato che tra pochissimi giorni non ci vedremo più... forse...

16 commenti:

  1. Whoa!
    Ho fallito il mio TS vs paralisi.

    [ Quindi ora sei il vice vibratore? E vai che fai carriera! :D ]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, non esageriamo: immagino che lei abbia sempre il suo fedele compagno meccanico, la mia è stata solamente una variante in corso d'opera... ;)

      Elimina
  2. Avete convissuto 8-10 ore al giorno per anni, e te la dà solo all'ultimo momento?
    ...
    È proprio vero, "logica" e "donne" nella stessa frase non ci vanno se non separati da una negazione...

    RispondiElimina
  3. Beh, meglio tardi che mai, no? ;)

    RispondiElimina
  4. Ciao MK, ti leggo spesso (merito o demerito del grande BidD che ti ha "linka") e considero te e BigD una sorta di trattamento terapeutico dello stress che il nostro comune lavoro ci procura e te ne ringrazio.

    Scorrendo questa storia ho avuto dapprima la sensazione di leggere uno degli incubi alla BigD, che lentamente si trasformava in un sogno fiabesco per poi sospettare che potesse essere una formidabile supercazzola..
    Ed invece direi di aver letto un racconto d'amore della collezione Harmony :P :P , auguri e figli maschi :D :D

    Ciao
    Ric

    RispondiElimina
  5. @ Claudio: esatto!

    @ Ric: grazie per i complimenti, addirittura considerarmi un trattamento terapeutico antistress mi pare eccessivo, ma grazie.
    Purtroppo, il racconto Harmony è giunto all'ultima pagina, con questo capitolo: quella è stata l'ultima volta che ho visto Architetta prima della mia fuoruscita!

    RispondiElimina
  6. Eri l'unico che non aveva capito che voleva montarti eh.

    RispondiElimina
  7. Questo dimostra che bisogna sempre bussare prima di entrare da architetta

    RispondiElimina
  8. @ Riccardo: in effetti era l'ultima cosa che mi sarei immaginato... :)

    @ Nik: esattamente quello che ha detto lei... :PPP

    @ Anonimo: yes, lo terrò presente per le prossime architette che incontrerò... ;)

    RispondiElimina
  9. Yeah, bel colpo! Vedi, hai ragione, essere caustici è sempre una buona cosa ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fosse così, avrei passato 3/4 della mia vita in posizione orizzontale con colleghe / amiche / testimoni di Geova

      Puoi dedurre che non sia stato così - anche se devo concedere che alcune delle più bistrattate erano letteralmente impazzite per me.
      Letteralmente. Davvero.

      Elimina
    2. Non saprei, Trantor.
      Essere caustico non mi ha mai portato a nient'altro che una vita in solitaria... anche questo ha i suoi vantaggi, a volte, ma a volte l'è dura... ;)

      Cmq "nema problema": ormai sono abituato così e non posso più cambiare... :P

      Elimina
  10. Non è che A. stia semplicemente accumulando un po' di crediti con MK, per quando avrà da chiedere qualche nuovo "favore"?

    RispondiElimina
  11. Non credo, maxxfi, anche perchè stiamo parlando di fine dicembre 2009, dopo un paio di giorni da questi eventi, ho concluso il periodo di collaborazione con la Grande Società e non ho più visto nessuno, tanto meno Architetta.

    RispondiElimina

Se questo post è stato scritto da più di 14 giorni, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Idee regalo della mia sorellina

I LAVORI DELLA MIA SORELLINA
Se siete interessati ai suoi lavori e volete acquistarli o ordinare qualcosa di personalizzato, la potete contattare alla mail:
lqfantasia at gmail dot com

Cloreen, la principessa senza regno

Image and video hosting by TinyPic
Un nuovo autore si affaccia sul panorama letterario con il suo primo romanzo.

Un'avvincente storia fantasy da leggere tutta in un fiato, dove colpi di scena e avventura vi accompagneranno fino alla fine.
Una ragazza che combatte contro il destino e si crea il suo destino.

Adatta per ragazzi e per adulti.
Da leggere!

Prezzo Euro 1,00 (formato ebook e pdf)
Euro 7,00 (+ spese spedizione) cartaceo (pagg.131)

Per ogni informazione potete scrivermi all'email: miky666ykim@gmail.com

Nota: è in vendita anche la copia dell'illustrazione di copertina in formato A4 (20,7 x 29,4), se siete interessati potete mandare richiesta all'indirizzo email lqfantasia@gmail.com.

Per vedere l'immagine potete andare qui.

Vendita computer

Di seguito, espongo le caratteristiche del computer in vendita:

Personal Computer
Scheda madre: ASUS M2NPV-VM
Processore: AMD Athlon 64 X2 Dual Core Processor 3800+
RAM: DIMM 667 MHz 1GiB (espandibile fino a 4)
Scheda video integrata: nVidia GeForce 6150
HDD: Maxtor 6G160P0 da 160 GB (149 GiB)
Porte: seriale, parallela, USB (5), FireWire
Drive: floppy, lettore/masterizzatore CD/DVD
Scheda di rete ethernet e scheda modem per connessione internet
Sistema operativo preinstallato: GNU/Linux Ubuntu 10.04.1 LTS
Programmi preinstallati: tutti quelli compresi nell'installazione di Ubuntu

Eventuale: disponibile monitor CRT 15" o 17"

Elenco hardware presente disponibile

Elenco programmi installati disponibile (tutti quelli compresi in una installazione standard di Ubuntu 10.04.1 LTS)

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Se interessati (e per qualsiasi chiarimento), mandate una mail a miky666ykim@gmail.com


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------