Disclaimer

Questo blog utilizza cookie tecnici propri, ma possono essere presenti cookie anche di profilazione di terze parti. Tali cookie serviranno per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso.

Per maggiori informazioni vedere la nostra cookie policy


---------------------

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Appunti dalle Tenebre...

Il mondo è immerso nelle tenebre,
in lontananza un campanile rintocca la mezzanotte,
ancora più lontano si odono lugubri ululati mentre il vento sospinge filamenti di nubi che assumono strane espressioni ultraterrene sorvolando le case...
i miei compagni svolazzano tra le tenebre, sotto forma di pipistrelli,
e io sto cominciando a sentire impellente la necessità di assaporare il fluido scarlatto, il rosso nettare fonte di vita...
le mie membra stanno già avviando i processi di mutazione che mi porteranno a breve a solcare i cieli nelle sembianze di un comune chirottero,
nel mio crudele ma inevitabile ruolo di predatore maledetto della notte...

sabato 12 settembre 2009

Relatività temporale

Come disse tempo fa Einstein, tutto è relativo.

In particolare, il concetto di relatività è facilmente applicabile al tempo, visto che per due osservatori diversi il tempo non scorre nello stesso modo.

Per chiarire meglio il concetto relativamente difficile, mi affiderò ad alcuni esempi che, come da regole fisiche, chiunque di noi è in grado di ripetere facilmente senza nemmeno la necessità di un laboratorio.
  • Primo esempio, la ricreazione:
per un gruppetto di bambini che giocano nel cortile della scuola, mezz'ora di ricreazione dura pochissimo, ma per l'insegnante che deve stare lì fermo a sorvegliarli che non si facciano male, la stessa mezz'ora sembra non passare mai... mentre capita il contrario nell'ora successiva in cui l'insegnante farà fare il compito in classe...
  • Secondo esempio, l'esame:
nel corso di un esame universitario, il tempo di svolgimento della prova scorre lentissimo per il docente che deve solo controllare che nessuno copi dal vicino, ma scorre velocissimo per lo studente che deve ripescare tutti i dati dai cassetti della propria memoria e tradurli in frasi corrette da scrivere sul foglio... la stessa cosa succede in sede di test a risposta guidata (i famosi quiz), con la differenza che lì il tempo limite è estremamente ridotto...

Questi esempi da soli dovrebbero chiarire e dimostrare la tesi esposta, ma occorre un ulteriore passaggio: determinare un'unità di misura per il confronto!

Nel primo caso si è parlato di mezz'ora, quindi ci si affida a un orologio che ovviamente deve essere un punto di riferimento indipendente da ciascuno degli osservatori (volete mica che i ragazzi che giocano si fermino a controllare l'orologio per vedere quanto manca allo scadere del tempo? O che l'insegnante stufo non cerchi poco democraticamente di anticipare i tempi?) quindi si aspetta che l'orologio elettrico della scuola suoni la propria campana, ma essendo un orologio elettrico può avere problemi di funzionamento e quindi come si controlla l'evolversi dinamico senza un riferimento reale?

Nel secondo caso la tempistica è affidata egualmente agli orologi, sia quello del docente (che infine decide comunque, in maniera semi-dittatoriale) sia quello dei singoli studenti (che guardano sempre più terrorizzati, sapendo che alla fine non è il loro orologio quello di riferimento effettivo), ma siamo sicuri che tutti gli orologi segnino la stessa ora? E se ci sono problemi di sincronizzazione? Mica possiamo telefonare al Galileo Ferraris per sapere l'ora esatta ogni tot minuti, come sarebbe bene evitare che alla fine il docente urli “Consegnate!” e qualcuno cominci a dire “Ma mancano ancora 5 minuti..” avviando un contraddittorio che dura ben più dei suddetti 5 minuti, ma non serve a nulla a chi lo ha avviato per cercare di completare il proprio elaborato.

La cosa migliore è cercare una unità di misura del tempo base accessibile e ripetibile da chiunque, che permetterà di verificare l'esattezza degli esperimenti, senza problemi di sorta in caso di contraddittorio.

Il vero problema è definire tale unità, visto che, come disse tempo fa Einstein, tutto è relativo, compreso il tempo, e questo influisce nella stessa determinazione dell'unità di misura fondamentale, come possiamo chiarire facilmente con un ulteriore esempio, sicuramente dimostrabile da tutti, in cui si cerca di definire ben due unità di misura temporali, che risultano coincidenti quantitativamente ma estremamente diverse qualitativamente:
  • un attimo: il tempo che passa tra lo scattare del semaforo verde e l'idiota dietro che suona il clacson
  • un'eternità: il tempo che passa tra lo scattare del semaforo verde e l'idiota davanti che si decide finalmente a partire

4 commenti:

  1. Una buona unità assolutà è l'attimo femminile, ovvero il tempo che passa tra quando tua moglie ti dice "sono pronta in un attimo" e quando è pronta veramente. Sono due ore nette. È una delle costanti universali dell'universo: se l'avesse saputo Planck...
    A proposito, la sai quella di Heisenberg e Schrodinger che decidono di passare una sera in compagnia di una prostituta? Ne cercano una in macchina, accostano, tirano giù il finestrino e chiedono: "Quanto?"
    (OK; lo so, è freddina...)

    RispondiElimina
  2. Meno male che non sono sposato, così posso uscire, andare in giro in auto con Heisenberg e Schrodinger a cercare compagnia, fare tutto quello che devo fare e rientrare prima che lei sia pronta... :D

    (questa, invece, fa venire il raffreddore anche agli eschimesi...)

    RispondiElimina
  3. Hai dimenticato l'esempio più importante:
    La lunghezza del minuto dipende dalla parte della porta del bagno in cui ti trovi

    RispondiElimina

Se questo post è stato scritto da più di 14 giorni, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Idee regalo della mia sorellina

I LAVORI DELLA MIA SORELLINA
Se siete interessati ai suoi lavori e volete acquistarli o ordinare qualcosa di personalizzato, la potete contattare alla mail:
lqfantasia at gmail dot com

Cloreen, la principessa senza regno

Image and video hosting by TinyPic
Un nuovo autore si affaccia sul panorama letterario con il suo primo romanzo.

Un'avvincente storia fantasy da leggere tutta in un fiato, dove colpi di scena e avventura vi accompagneranno fino alla fine.
Una ragazza che combatte contro il destino e si crea il suo destino.

Adatta per ragazzi e per adulti.
Da leggere!

Prezzo Euro 1,00 (formato ebook e pdf)
Euro 7,00 (+ spese spedizione) cartaceo (pagg.131)

Per ogni informazione potete scrivermi all'email: miky666ykim@gmail.com

Nota: è in vendita anche la copia dell'illustrazione di copertina in formato A4 (20,7 x 29,4), se siete interessati potete mandare richiesta all'indirizzo email lqfantasia@gmail.com.

Per vedere l'immagine potete andare qui.

Vendita computer

Di seguito, espongo le caratteristiche del computer in vendita:

Personal Computer
Scheda madre: ASUS M2NPV-VM
Processore: AMD Athlon 64 X2 Dual Core Processor 3800+
RAM: DIMM 667 MHz 1GiB (espandibile fino a 4)
Scheda video integrata: nVidia GeForce 6150
HDD: Maxtor 6G160P0 da 160 GB (149 GiB)
Porte: seriale, parallela, USB (5), FireWire
Drive: floppy, lettore/masterizzatore CD/DVD
Scheda di rete ethernet e scheda modem per connessione internet
Sistema operativo preinstallato: GNU/Linux Ubuntu 10.04.1 LTS
Programmi preinstallati: tutti quelli compresi nell'installazione di Ubuntu

Eventuale: disponibile monitor CRT 15" o 17"

Elenco hardware presente disponibile

Elenco programmi installati disponibile (tutti quelli compresi in una installazione standard di Ubuntu 10.04.1 LTS)

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Se interessati (e per qualsiasi chiarimento), mandate una mail a miky666ykim@gmail.com


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------