Disclaimer

Questo blog utilizza cookie tecnici propri, ma possono essere presenti cookie anche di profilazione di terze parti. Tali cookie serviranno per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso.

Per maggiori informazioni vedere la nostra cookie policy


---------------------

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Appunti dalle Tenebre...

Il mondo è immerso nelle tenebre,
in lontananza un campanile rintocca la mezzanotte,
ancora più lontano si odono lugubri ululati mentre il vento sospinge filamenti di nubi che assumono strane espressioni ultraterrene sorvolando le case...
i miei compagni svolazzano tra le tenebre, sotto forma di pipistrelli,
e io sto cominciando a sentire impellente la necessità di assaporare il fluido scarlatto, il rosso nettare fonte di vita...
le mie membra stanno già avviando i processi di mutazione che mi porteranno a breve a solcare i cieli nelle sembianze di un comune chirottero,
nel mio crudele ma inevitabile ruolo di predatore maledetto della notte...

mercoledì 22 luglio 2009

Prendi una bomba.. lanciala lontano..

Uno dei punti fondamentali dell'addestramento al CAR è la preparazione al lancio della bomba a mano..

L'addestramento consiste non tanto nel mettere in mano alle reclute una vera granata (con quello che costano.. le granate, non le reclute..) ma dare loro un oggetto di forma e peso analoghi alla suddetta granata e insegnare loro come lanciarla in modo tale che cada abbastanza lontano da non coinvolgerli direttamente nell'esplosione..
Ecco quindi che, nel campo d'addestramento (cioè nel cortile della caserma) ci si riunisce: un sottotenente, due caporali e una squadra intera di reclute.. uno dei caporali consegna a due reclute l'elmetto di ordinanza e le manda dalla parte opposta del cortile, col ruolo di raccattapalle.. cioè di raccattabombe.. posizionandole vicino ai pali-bersaglio (che tanto non saranno mai raggiunti..)
Poi si mette davanti agli altri e mostra tutta la pantomima di sbracciamento, piegamento e lanciamento.. “Avete visto? Dovete fare così!”
Il tenente chiama uno alla volta, il caporale consegna l'elmetto e la bomba, il ragazzo si mette l'elmetto, afferra la bomba e si prepara al lancio, in attesa che il tenente dia l'ordine.. “Lancia!” e il ragazzo si sbraccia, si piega, si torce e si contorce, e lancia la bomba (mentre il tenente cronometra)..
Primo lancio.. “Se perdi tutto quel tempo, ti esplode in mano!”
Secondo lancio.. il tenente (dietro alla recluta) si vede cadere in mano la bomba appena lanciata.. “Ca##o fai? Il nemico è là davanti, non qua dietro..”
Terzo lancio.. la bomba parte in una parabola altissima (tipo campana) e ricade a circa un paio di metri davanti al lanciatore.. “BUM, sei morto..”
Quarto lancio.. “Bene, buon lancio.. MACCA##O!!!” il lanciatore aveva fatto un lancio buono, però il recuperatore, stanco di correre avanti e indietro, aveva deciso non di riportare la bomba al caporale, ma di lanciarla.. quasi centrando il tenente..
E così via..

Alla fine ero sicurissimo che, in caso di guerra, avremmo fatto molti danni.. ma non all'esercito nemico..

6 commenti:

  1. Alle volte quasi mi dispiace di non aver fatto la naja... mi vien da pensare che sarebbe stata un'interessante esercitazione di surrealismo.

    Ma anche no...

    RispondiElimina
  2. > Ma anche no...

    Meglio di no, fidati: è un anno di vita totalmente sprecato, pieno quasi esclusivamente di angherie e soprusi

    RispondiElimina
  3. Qua in Argentina la chiamano 'Colimba', acronimo per 'corre, limpia, barre', tradotto sarebbe 'corri, frega, ramazza', che è basicamente l'unica cosa che impari a fare, aparte rubare e mentire, dicono. Per fortuna non è più obbligatoria.

    RispondiElimina
  4. Infatti non mi ricordo nemmeno più quanti ettari di cortile (cumulativi) ho scopato negli infiniti giorni in cui ero addetto alla ramazza.. o in cui ero in punizione..

    Per fortuna non è più obbligatoria nemmeno qua in Italia :-)

    RispondiElimina
  5. Hai dimenticato alcuni particolari (a meno che negli Alpini dove sono stato io non era diverso)
    1° chi ha la bomba in mano DEVE tenere la bomba in alto per farsi vedere dai commilitoni. Dettaglio: anche il nemico vedendo un cretino in piedi (non è previsto che resti sdraiato se hai la bomba in mano) con un braccio alzato (il destro) e il fucile o nell'altra mano o a tracolla non pensa che quello è il bersaglio del luna park?
    2° Sempre secondo il manuale d'istruzione e gli istruttori, dopo aver lanciato la bomba devi fermarti in piedi e abbassare la testa per proteggerti la testa dalle scheggie. Quindi se prima non eri bersaglio dei cecchini più capaci ora che hai lanciato e sei fermo ti prende anche il piantone con la ramazza a fiondate.

    RispondiElimina
  6. Non proprio dimenticato, più che altro non mi sembrava necessario.
    Comunque si: il primo lancio avveniva così, col tipo che restava poi immobile a capo chino (all'atto pratico dietro un muretto) in attesa che le schegge la smettessero di piovergli addosso, mentre al secondo lancio (col fucile in mano) seguiva un immediato gettarsi a terra a gambe divaricate, con il fucile pronto in posizione di fuoco (e lì ce n'erano tanti che hanno finito per gettarsi a terra a gambe divaricate dritto sopra il calcio del fucile...)

    RispondiElimina

Se questo post è stato scritto da più di 14 giorni, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Idee regalo della mia sorellina

I LAVORI DELLA MIA SORELLINA
Se siete interessati ai suoi lavori e volete acquistarli o ordinare qualcosa di personalizzato, la potete contattare alla mail:
lqfantasia at gmail dot com

Cloreen, la principessa senza regno

Image and video hosting by TinyPic
Un nuovo autore si affaccia sul panorama letterario con il suo primo romanzo.

Un'avvincente storia fantasy da leggere tutta in un fiato, dove colpi di scena e avventura vi accompagneranno fino alla fine.
Una ragazza che combatte contro il destino e si crea il suo destino.

Adatta per ragazzi e per adulti.
Da leggere!

Prezzo Euro 1,00 (formato ebook e pdf)
Euro 7,00 (+ spese spedizione) cartaceo (pagg.131)

Per ogni informazione potete scrivermi all'email: miky666ykim@gmail.com

Nota: è in vendita anche la copia dell'illustrazione di copertina in formato A4 (20,7 x 29,4), se siete interessati potete mandare richiesta all'indirizzo email lqfantasia@gmail.com.

Per vedere l'immagine potete andare qui.

Vendita computer

Di seguito, espongo le caratteristiche del computer in vendita:

Personal Computer
Scheda madre: ASUS M2NPV-VM
Processore: AMD Athlon 64 X2 Dual Core Processor 3800+
RAM: DIMM 667 MHz 1GiB (espandibile fino a 4)
Scheda video integrata: nVidia GeForce 6150
HDD: Maxtor 6G160P0 da 160 GB (149 GiB)
Porte: seriale, parallela, USB (5), FireWire
Drive: floppy, lettore/masterizzatore CD/DVD
Scheda di rete ethernet e scheda modem per connessione internet
Sistema operativo preinstallato: GNU/Linux Ubuntu 10.04.1 LTS
Programmi preinstallati: tutti quelli compresi nell'installazione di Ubuntu

Eventuale: disponibile monitor CRT 15" o 17"

Elenco hardware presente disponibile

Elenco programmi installati disponibile (tutti quelli compresi in una installazione standard di Ubuntu 10.04.1 LTS)

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Se interessati (e per qualsiasi chiarimento), mandate una mail a miky666ykim@gmail.com


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------