Disclaimer

Questo blog utilizza cookie tecnici propri, ma possono essere presenti cookie anche di profilazione di terze parti. Tali cookie serviranno per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso.

Per maggiori informazioni vedere la nostra cookie policy


---------------------

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Appunti dalle Tenebre...

Il mondo è immerso nelle tenebre,
in lontananza un campanile rintocca la mezzanotte,
ancora più lontano si odono lugubri ululati mentre il vento sospinge filamenti di nubi che assumono strane espressioni ultraterrene sorvolando le case...
i miei compagni svolazzano tra le tenebre, sotto forma di pipistrelli,
e io sto cominciando a sentire impellente la necessità di assaporare il fluido scarlatto, il rosso nettare fonte di vita...
le mie membra stanno già avviando i processi di mutazione che mi porteranno a breve a solcare i cieli nelle sembianze di un comune chirottero,
nel mio crudele ma inevitabile ruolo di predatore maledetto della notte...

mercoledì 14 ottobre 2009

Che s'ha da fà, pe' magnà

All'ospedale militare, un giorno, scoppiò la guerra tra i marescialli di reparto e i marescialli di servizio. E come ogni guerra che si rispetti, coinvolse esclusivamente vittime innocenti.

Il motivo pare essere che i reparti (gestiti da quella razza demoniaca conosciuta come suore, anche se comandati da ufficiali) ordinavano il quantitativo del rancio tenendo conto anche del personale non ricoverato, mentre il personale di servizio (particolarmente in mensa) si ritrovava a ordinare cibo per tutti i militari (compresi quelli che erano in servizio nei reparti) e così pare che ci fossero degli sprechi pazzeschi che hanno incrementato a dismisura il debito pubblico.

Io, come tutti quelli che facevano parte dei reparti ma non passavano la giornata in pigiama, avevo degli incarichi in uffici o in sorveglianza, e sovente mi risultava difficile interrompere i miei lavori alle 16.30 per andare a cenare (si: nei reparti si cenava alle 16.30), quindi dovevo andare alle 18.00 in mensa per poter cenare, anche perché subito dopo la cena, i piantoni del reparto uscivano e la suora tornava al convento, quindi non avrei visto nulla di commestibile... a parte i ricoverati...

Quando scoppiarono le ostilità, il maresciallo non ci lasciò più entrare in mensa, quindi per alcuni giorni la cena di molti dei reparti divenne la pizza serale in libera uscita, ma non eravamo pagati abbastanza per comprarci anche il pranzo (che doveva invece esserci garantito) e così cominciarono le conseguenze cattive.
C'era chi si fregava i panini a mezzogiorno (per farsi poi un panino con la nutella alla sera), chi requisiva il pasto ai ricoverati, chi divorava i tenenti che passavano solitari in certi angoli bui del cortile e chi urlava e sbraitava col maresciallo per farsi punire (a quel punto il vitto spettava obbligatoriamente).

Ma c'era anche un altro sistema!

2 commenti:

  1. Aspetta, è un po' contorta, fammi capire...
    Dunque. Allo status quo, le provviste per il personale militare che operava nei reparti ma non era ricoverato venivano ordinate sia dai reparti che dai servizi. Ad un certo punto, la cosa è saltata fuori, si è scatenato un conflitto di competenze, e come conseguenza il personale militare eccetera si è trovato senza nessuno che gli ordinasse da mangiare. Ho capito bene?
    Il che mi ricorda l'aneddoto citato da Eco nel "Secondo diario minimo", del mVlo morto di fame perché per un conflitto di competenze simile nessuno gli ha più dato da mangiare (e il mulo, legato, non poteva andarsene in giro a brucare per conto suo).

    RispondiElimina
  2. Più o meno: quando la cosa è saltata fuori, ci hanno proibito di andare in mensa con gli altri dato che per noi il cibo era ordinato dai reparti.
    Il problema è che nei reparti la "cena" veniva servita alle 16.30, e alle 17 la mensa di reparto veniva chiusa fino alla colazione del mattino dopo (e la suora che la gestiva, tornava al proprio convento).
    Ovviamente noi non potevamo uscire dagli uffici prima delle 17 (contando le pulizie, 17.30) per cui l'unica fonte di sostentamento sarebbe stata la mensa di servizio alle 18, che ci era invece preclusa, per cui si rischiava di vincere il campionato di salto del pasto e tiro della cinghia...

    RispondiElimina

Se questo post è stato scritto da più di 14 giorni, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Idee regalo della mia sorellina

I LAVORI DELLA MIA SORELLINA
Se siete interessati ai suoi lavori e volete acquistarli o ordinare qualcosa di personalizzato, la potete contattare alla mail:
lqfantasia at gmail dot com

Cloreen, la principessa senza regno

Image and video hosting by TinyPic
Un nuovo autore si affaccia sul panorama letterario con il suo primo romanzo.

Un'avvincente storia fantasy da leggere tutta in un fiato, dove colpi di scena e avventura vi accompagneranno fino alla fine.
Una ragazza che combatte contro il destino e si crea il suo destino.

Adatta per ragazzi e per adulti.
Da leggere!

Prezzo Euro 1,00 (formato ebook e pdf)
Euro 7,00 (+ spese spedizione) cartaceo (pagg.131)

Per ogni informazione potete scrivermi all'email: miky666ykim@gmail.com

Nota: è in vendita anche la copia dell'illustrazione di copertina in formato A4 (20,7 x 29,4), se siete interessati potete mandare richiesta all'indirizzo email lqfantasia@gmail.com.

Per vedere l'immagine potete andare qui.

Vendita computer

Di seguito, espongo le caratteristiche del computer in vendita:

Personal Computer
Scheda madre: ASUS M2NPV-VM
Processore: AMD Athlon 64 X2 Dual Core Processor 3800+
RAM: DIMM 667 MHz 1GiB (espandibile fino a 4)
Scheda video integrata: nVidia GeForce 6150
HDD: Maxtor 6G160P0 da 160 GB (149 GiB)
Porte: seriale, parallela, USB (5), FireWire
Drive: floppy, lettore/masterizzatore CD/DVD
Scheda di rete ethernet e scheda modem per connessione internet
Sistema operativo preinstallato: GNU/Linux Ubuntu 10.04.1 LTS
Programmi preinstallati: tutti quelli compresi nell'installazione di Ubuntu

Eventuale: disponibile monitor CRT 15" o 17"

Elenco hardware presente disponibile

Elenco programmi installati disponibile (tutti quelli compresi in una installazione standard di Ubuntu 10.04.1 LTS)

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Se interessati (e per qualsiasi chiarimento), mandate una mail a miky666ykim@gmail.com


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------