Curva a destra...


Era il mio secondo rientro in Serbia, assieme a un collega del servizio progetta mannaggiamenti.
Scesi dall'aereo troviamo la nostra macchinetta parcheggiata che ci aspettava dal venerdi, lui mi da le chiavi e dice “Guida te, che io sono stanco! Imbocchi l'autostrada e vai sempre dritto!” “Ok!”
Partiamo, imbocco l'autostrada, proseguo attraverso Belgrado, prendo il biglietto alla stazione e procedo nella notte serba per 125 km fino all'uscita di Batocina, dove prendo la statale per Kragujevac.
Dopo altri 25 km circa, entriamo a Kragujevac, accolti dal cartello di benvenuto in cirillico e da un monumento su una rotonda raffigurante una croce ortodossa, oltre il quale sono appostate un paio di auto della locale “policija” pronte a prendere multe, quindi appena vedo il cartello comincio a rallentare opportunamente, in modo da stare sotto i limiti.
Il mio collega inizia a guardarsi intorno, sapendo che da quel punto non conosco molto bene la strada, e mi dice “Adesso vai dritto, poi ti avviso quando devi girare!”
Poco oltre, alcune decine di metri prima del ponte, lo sento che mi dice “Curva a destra!” e io accendo l'indicatore e svolto alla prima strada, fermandomi subito perchè la suddetta strada risulta chiusa.
Lui mi guarda e chiede “Dove vai?” “Non lo so: sei tu che mi hai detto di girare a destra!”
“Io? E quando mai? Dobbiamo girare dopo il ponte!” “Ma se mi hai detto curva a destra!”
Lui mi guarda un istante, poi scoppia a ridere “Scusa! Qua 'curva' significa 'prostituta'! Ti dicevo che c'era una prostituta sul marciapiede a destra!”
Mi volto a guardare la donna, che ci guardava stranamente, incerta se venire a offrirci i suoi servizi o denunciarci ai primi poliziotti che vedeva, prendendoci per matti per come avevamo svoltato in una specie di vicoletto chiuso (dove evidentemente lei consumava i servizi veloci).
Lo guardo e gli faccio presente che al momento non mi importa assolutamente niente della suddetta fanciulla, anche perchè sono stanchissimo, dopo 150 km di guida nella notte serba, e lui scoppia a ridere insistentemente, e continua anche quando metto la retromarcia, esco dal vicoletto e ritorno sulla strada, riprendendo la direzione di casa, mentre gli dico sonoramente “Ma'nvedi d'anna' affancoil!!!!”

Commenti

  1. Mai vaffanculo fu più meritato. D'altro canto, essendo un project mangler, è abituato a dire una cosa, intenderne una seconda, volerne una terza, ed averne bisogno di una quarta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, questo è stato solo il primo (no, veramente il terzo) di una lunghissima (e ancora incompleta) serie di "vaff..." che stanno popolando i miei dialoghi attuali, particolarmente con i colleghi...

      Elimina
  2. io l'avrei lasciato alla curva ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo sarebbe stata considerata una "punizione" quanto piuttosto un "favore", conoscendolo... ;)

      Elimina
  3. É praticamente l'unica parola delel lingue dell'Est che conosco e sono sempre allibito di quanto sia diffusa tra paesi diversi!!
    Questa non vale come porno-avventura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. > Questa non vale come porno-avventura!

      Infatti l'ho postata qua e non dall'altra parte! :)

      PS: io non la conoscevo, ma dopo questo ho capito come mai tutti sogghignavano quando dicevo che nelle tubazioni e nelle canalizzazioni dovevano mettere raccordi e curve... ;)

      Elimina

Posta un commento

Tranquillo, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Post popolari in questo blog

Il ritorno...

Comincia il lavoro

Primo incontro!