Signorina, lei è pratica...

Siamo ormai alla fase finale della campagna di Russia, e dobbiamo cominciare a tradurre gli elaborati (purtroppo non basta solo scrivere in italiano usando le lettere dell'alfabeto cirillico e nemmeno è sufficiente usare il traduttore di gugol) e a tale scopo si è provveduto a individuare una persona che abbia la necessaria competenza (ovvero che conosca il russo e non costi cara). Il candidato ideale è risultato essere una studentessa russa che si sta per laureare qui in Italia, per cui si cominciano a inviare documenti a tale persona.
Lei traduce e provvede a restituire la documentazione tradotta via email, e lo stesso fa (al contrario) quando arrivano risposte dal cliente che devono essere tradotte prima di essere lette e comprese.
Quando non capisce qualcosa, che magari è stato descritto qualche elemento tecnico o si sono usati termini gergali, telefona a PiccoloCapo chiedendo spiegazioni su cosa significa il termine considerato, per cui non è raro sentire PiccoloCapo parlare al telefono e cominciare a dare sfoggio delle sue infinite (in)competenze tecniche, erudendo e formando la giovane mente di costei ai misteri della tecnologia.
Un giorno, PiccoloCapo mi chiama nel suo antro e mi fa vedere un foglio, dicendomi che è la traduzione delle richieste russe, dove si richiede di specificare qualcosa in merito a delle “tappature”.
«E cosa sarebbero queste tappature?»
«Non lo so! L'ha tradotto così la nostra interprete!»
«Ah, quindi non si sa cosa siano?»
«No, anzi: lei stessa ha chiesto se glielo spiegavamo!»
«Fammi vedere..»
Prendo il foglio e vedo che la richiesta è relativa ai soli cavi, per giunta ci sono molte richieste dettagliate (morsetteria, capicorda, puntalini, fascette, targhette identificative) e mi viene l'illuminazione!!!
«Sai cosa saranno?»
«No, ma l'hai capito?»
«Credo che intendano le 'bretelle'!»(*)
«OccaXXo!!! E mi sa che c'hai ragione!»
«Provvedo a preparare una nota di come predisporre le 'bretelle'?»
«Si, intanto io provo a spiegarlo alla nostra interprete, che lo vuole sapere.. Ma come glielo dico?»
Torno di là e comincio a scrivere, quando sento che telefona e comincia la parte didattica:
«...allora, dopo attenta riflessione, SONO finalmente riuscito a capire cosa diavolo sono queste 'tappature'! In gergo, NOI ELETTRICI le chiamiamo 'bretelle'.. si, come quelle che servono per tenere su i pantaloni.. no, è che nei cavi si fanno perché, quando si spela il cavo per scappellare il rame.. si, il rame lo si deve tirar fuori dalla guaina se no non serve.. e fare poi il collegamento, la guaina tagliata può rovinarsi, allora si mettono queste cose.. ecco, si tratta di una guaina termorestringente.. vuol dire che si stringe con il fuoco.. si, con la fiamma ossidrica.. si scalda e si stringe chiudendosi attorno al cavo.. com'è fatta? Ecco, come posso dire? Praticamente.. lei è pratica di preservativi?.. ecco, immagini un preservativo.. ma in realtà essendo un cavo multipolare immagini un preservativo con 4 o 5 dita, più o meno come i guanti che usano i ginecologi, come lei saprà benissimo..»(**)

(*) il termine gergale 'bretelle' indica la nastratura delle singole anime (conduttori) di un cavo multipolare, allo scopo di isolare le parti rese particolarmente delicate durante la lavorazione dal fatto di aver separato e spelato le singole anime per permettere il cablaggio interno ai quadri o le eventuali giunzioni. Tale operazione attualmente non si esegue più mediante nastratura ma tramite opportuni dispositivi in guaina termorestringente, come questi: terminali in guaina termorestringente (seconda figura, codice DBOS-LV).
(**) non vi dico quanto è durata la collaborazione con questa traduttrice, specie dopo che PiccoloCapo si è impegnato a erudirla sulla terminologia tecnica.
PS: chiedo scusa alle (purtroppo pochissime) lettrici di questo blog, per aver riportato pari pari il linguaggio dotto e forbito di PiccoloCapo...

Commenti

  1. (**) non vi dico quanto è durata la collaborazione con questa traduttrice, specie dopo che PiccoloCapo si è impegnato a erudirla sulla terminologia tecnica.
    ha messo giù e tanti saluti?

    RispondiElimina
  2. No, quel giorno ha resistito, e anche altri giorni... ma non tanti..

    RispondiElimina
  3. Piccolo Capo dovrebbe farsi assumere dalle aziende per mettere KO le imprese rivali. Se non fosse che qua si va nell'illegale...

    RispondiElimina
  4. Non sarebbe male, ma a quanto pare lo assumono per mettere KO l'impresa in cui viene assunto... ;-)

    RispondiElimina
  5. Immagino che non sia stata tanto la volgarità di PiccoloCapo ad indisporre la traduttrice, bensì la sua (di lui) ignoranza e demenza (di cui una simile volgarità è comunque cartina di tornasole). Con dirigenti così, chi ha bisogno della concorrenza per andare a gambe all'aria?

    RispondiElimina
  6. Immagini giusto ;-)

    > Con dirigenti così, chi ha bisogno della concorrenza per andare a gambe all'aria?
    Mai fu detta verità più grande

    RispondiElimina
  7. Dopo una spiegazione cosi malamente tecnica ma furbescamente allusiva se lo avessi avuto davanti gli avrei fatto vedere come funzionano le leve.
    Se a lui piace il russo a me piace il giapponese...Ude Hishigi Ashi Gatame.

    JeanGrey

    RispondiElimina
  8. Non ti chiedo nemmeno cosa significa il giapponese, spero solo che non scateni su di me la furia della Fenice ;-)
    (al massimo ti do l'indirizzo di PiccoloCapo per eventi catastrofici e devastazioni termonucleari... tanto io dovrei abitare abbastanza distante da lui, spero...)

    RispondiElimina
  9. Non preoccuparti, fino a che mi allieterai con le tue "Mille e una storia" avrai salva la vita. :D

    JeanGrey

    RispondiElimina
  10. Phew! Meno male.. quindi sopravviverò sicuramente per tutto il 2011.. :D
    Uhm! Devo cominciare a scrivere qualcosa per il 2012, non vorrei provare in anticipo la fine del mondo... ;-)

    RispondiElimina
  11. PS: ho trovato la traduzione del giapponese. Complimenti :D

    RispondiElimina
  12. Comunque, grazie a Dio, almeno Piccolo Capo non è un ginecologo...questa ci è stata risparmiata...
    E...grazie, MK, per esserti scusato a nome suo...Obbligata! Ciaooooo!

    RispondiElimina
  13. > Comunque, grazie a Dio, almeno Piccolo Capo non è un ginecologo...questa ci è stata risparmiata...
    Per vostra fortuna... ;-)

    > E...grazie, MK, per esserti scusato a nome suo...Obbligata! Ciaooooo!
    Lo so che è difficile crederci, ma all'epoca (quando è accaduto il fatto) ci ero rimasto male io per la ragazza che ci faceva da traduttrice, anche se non so nemmeno chi fosse.
    Quando l'ho messo in programmazione mi sono reso conto che non potevo certo farlo passare qui senza perlomeno chiedere scusa alle lettrici.
    Ciao :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Tranquillo, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Post popolari in questo blog

Primo incontro!

Il ritorno...

Ingegnere di cantiere...