Commedia degli equivoci..

Niente di particolare: Termica sta litigando con il ‘suo’ programma, nulla di che, ma per chi come me è seduto dall’altra parte della stanza e sente solo le sue imprecazioni, le frasi che pronuncia possono assumere tutt’altro significato.
Dopo la prima imprecazione e la richiesta di spiegazioni (che ho riportato sopra), smetto quindi di preoccuparmi e procedo col mio lavoro, anche se l'udito continua a recepire le sue frasi rabbiose, che raccolgo per i posteri.

“Caxxo! Lo voglio più grosso!”
“Ho detto più grosso!!!”
“Più grosso! Con quello non ci faccio niente!”

“Dammelo, caxxo! Dammelo!”
“Quel tubo devi mettermelo dove dico io!”
"Decido io in quale foro me lo devi mettere!"
“Ho detto che me lo devi mettere lì!”
“Uffa!!! Mettimelo lì e non rompere!”
“Insomma! Se ti dico che va lì deve andare lì, non lo voglio dall'altra parte!”
...
Ditemi voi cosa poteva pensare chi passava per la strada sentendo uscire dalla finestra aperta del piano rialzato la voce di una ragazza che urlava queste esclamazioni!
...
Aggiungiamo che a un certo punto si è voltata direttamente verso di me (anche perché ero l'unico presente) chiedendomi “Secondo te, quanto deve essere grosso per una pompa?”
...
Vediamo se sono io il maniaco: voi che le avreste risposto? Ma soprattutto che avreste pensato?

Commenti

  1. Guarda che "commedia degli equivoci" è il sottotitolo del tuo blog, non il titolo del post...
    PS (che non centra nulla): grazie al tuo blog ho scoperto DragonLance e DeathGate! Grazie!

    RispondiElimina
  2. "Quanto basta perché non si incastri tra i denti". E cos'altro avresti voluto rispondere? :-)

    RispondiElimina
  3. Bene: ottima risposta! :-)

    RispondiElimina
  4. Per lo meno ha detto "foro" e non "buco" che sennò sarei morto, è un miracolo che non sono caduto dalla sedia...

    Io le avrei risposto: "Dipende dal buco dove lo devi infilare"

    Comunque, io avrei un "grosso" problema a lavorare in un ambiente simile (dato che si parla per doppi sensi).

    RispondiElimina
  5. E il bello è che lei manco se ne rendeva conto di quello che diceva o di come risultavano le sue frasi alle mie orecchie pure e innocenti... ;-P

    Comunque la prossima puntata è più tranquilla, con il ritorno di una vecchia conoscenza :-)

    RispondiElimina
  6. ahahahaahahahaahhahahah, troppo forte, maddai, ma questa ragazza è una "pura", davvero...(linguaggio a parte). Negli equivoci ci cadiamo tutti, e se l'ambiente è scherzoso, ovvio che scappa la risata, ma questa è proprio una specialista, merita una cattedra universitaria...
    E tu, ogni giorno, scrib scrib, prendevi nota? Complimenti anche a te...se penso a tutte quelle che ho sentito io, e che non ho fedeleente trascritto e riportato ai posteri...sigh...ne avrei avute da scrivere un libro. Baci8 V.

    RispondiElimina
  7. Non ogni giorno, ma quando capitava qualcosa di interessante, allora l'appuntavo sul mio libro nero, e poi le mettevo in "bella copia" e in programmazione qua dentro ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Tranquillo, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Post popolari in questo blog

Primo incontro!

Il ritorno...

Ingegnere di cantiere...