Disclaimer

Questo blog utilizza cookie tecnici propri, ma possono essere presenti cookie anche di profilazione di terze parti. Tali cookie serviranno per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso.

Per maggiori informazioni vedere la nostra cookie policy


---------------------

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Appunti dalle Tenebre...

Il mondo è immerso nelle tenebre,
in lontananza un campanile rintocca la mezzanotte,
ancora più lontano si odono lugubri ululati mentre il vento sospinge filamenti di nubi che assumono strane espressioni ultraterrene sorvolando le case...
i miei compagni svolazzano tra le tenebre, sotto forma di pipistrelli,
e io sto cominciando a sentire impellente la necessità di assaporare il fluido scarlatto, il rosso nettare fonte di vita...
le mie membra stanno già avviando i processi di mutazione che mi porteranno a breve a solcare i cieli nelle sembianze di un comune chirottero,
nel mio crudele ma inevitabile ruolo di predatore maledetto della notte...

mercoledì 4 novembre 2009

Riflessioni su titoli di giornale..

Non molto tempo fa in pausa pranzo, andando a prendere il caffè con il mio amico e collega Architetto, ci siamo imbattuti in uno dei tanti giornali gratuiti che vengono distribuiti agli angoli delle strade. Questo in particolare è noto per avere tantissime pagine (a differenza degli altri, sempre parecchio sottili) che trattano di ogni campo dell'umana conoscenza (evidentemente lo staff redazionale ha superato i limiti dell'onniscienza, cosa che pare essere prassi comune in molti dei loro colleghi, o sedicenti tali, specie se lavorano in televisione conducendo programmi pseudo-comici che fanno il verso ai telegiornali seri di un passato ormai lontanissimo e irrecuperabile).

Presa una copia a testa, anche per imbottirsi l'interno del giaccone (a Torino d'inverno fa parecchio freddo, non è raro andare sotto zero, e un buono strato di carta stampata tra la pelle e i vestiti aiuta a chiudere gli spifferi, specie quando in ditta si cerca di evitare di accendere il riscaldamento...), il mio amico la apre e legge preoccupato il titolone a piena pagina, dove si riscontra che la crisi economica (che i nostri politici continuano a dire che ormai ce l'abbiamo di dietro... o alle spalle, non mi ricordo bene e non vorrei essere frainteso...) ha fatto un'altra vittima illustre, colpendo gravemente una categoria professionale tra le più utili di tutte per il benessere psico-fisico degli esseri umani: le dispensatrici di piacere (l'articolo era scritto sull'intera pagina del giornale, eppure il mio amico è riuscito a tradurlo in un'occhiata e a sintetizzarne il contenuto intero in una singola frase: “Caxxo! La crisi sta mandando a putt... anche la prostituzione!”)

Lì per lì, ho solo fatto un commento sull'accurata scelta di vocaboli, prima di cominciare a parlare con lui della crisi e a cercare di trovare le innumerevoli soluzioni ovvie che solo quegli idioti che ci governano non riescono a vedere (ma non è colpa loro: sono politici di mestiere, non hanno mai avuto un solo problema, non hanno mai avuto bisogno di superare delle situazioni critiche, non hanno quindi abbastanza esperienza e capacità per risolvere alcun problema diverso dall'alzare la mano per aumentarsi lo stipendio, e non hanno nemmeno l'istintivo “occhio critico” per individuare al volo la soluzione più semplice ed economica per ogni problema che si presenta, cosa che a me e al mio collega riesce invece immediata, in quanto è pur sempre parte fondamentale del nostro mestiere di consulenti, e non di politicanti...)

Abbiamo quindi intavolato una lunga discussione in cui abbiamo elaborato seduta stante un numero abnorme di sistemi di equazioni differenziali all'ennesimo grado, ipotizzando diversi scenari conseguenti all'interpolazione di diverse soluzioni di calcolo delle matrici in spazi n-dimensionali nel dominio dei numeri complessi di Riemann, con metodi empirico-matematici, eseguendo rigorosamente calcoli mentali che avevamo lasciato le wuork-stesscion in ufficio e l'unico ausilio lo avevamo nella calcolatrice incorporata nel telefonino.

Alla fine di tutto questo processo che ci ha accompagnato per ben un quarto d'ora di strada, abbiamo trovato la soluzione perfetta per:
  • risolvere in un colpo solo la crisi economica mondiale, dando all'essere umano la possibilità di godersi felicemente la vita;
  • sfruttare una fonte energetica alternativa al petrolio, estremamente economica, veramente ecologica ed eternamente riciclabile, oltre che disponibile a tutti senza più necessità di andarla a prendere a suon di bombe;
  • scegliere i giocatori giusti da convocare in nazionale per poter vincere con assoluta certezza ogni partita, indipendentemente sia dagli avversari che dagli allenatori e commissari tecnici;
  • vincere il torneo di rugby delle 6 Nazioni usando opportunamente la categoria professionale che il giornalista ci ha fatto capire essere finita in crisi (e di conseguenza risolvere anche la loro situazione critica).
L'unico vero intoppo di questa soluzione è che era particolarmente impegnativa e costosa da attuare: a una prima stima sommaria, ci siamo trovati davanti a un impegno di dimensioni mondiali che si sarebbe esteso per un periodo non inferiore a 15 giorni con un costo complessivo sicuramente non inferiore a 1500 euro... sicuramente troppo, per risolvere definitivamente i problemi mondiali... e comunque rimanevano alcuni punti di impossibile soluzione: per esempio non si poteva capire se la soluzione avrebbe avuto effetto anche sull'organizzazione del palinsesto delle reti televisive e sulle difficoltà di connessione del cervello di alcuni telegiornalisti quando danno aria alla bocca, ma secondo me sarebbe stato un danno secondario e relativamente limitato, rispetto ai vantaggi precedenti, anche se il mio amico non ne era molto convinto.

...

Siamo quindi giunti al bar e abbiamo scordato ogni cosa di fronte a una bella tazzina di caffè corretto e al sorriso soddisfatto della barista, che in un paio di minuti, aveva avuto una relazione con due uomini contemporaneamente e, senza fare praticamente nessuno sforzo fisico (a parte alzarsi sulla punta dei piedi per prendere la bottiglia di grappa), si era intascata ben 3 euro (questo settore credo che non senta molto la crisi).

...

Nel ritorno in ufficio, però, abbiamo ripreso il discorso ripensando più seriamente alle conseguenze di tale crisi.

...

Il mio amico in fondo non ha particolari problemi correlati a questa parte della crisi economica (essendo sposato), tranne quando lo spediscono in qualche cantiere lontano che si protrae nel tempo (e dove la moglie non può raggiungerlo nei week-end), ma... gli sfigati come me?
  • Quelli che sono single per scelta (non necessariamente propria)?
  • Quelli che tutte le volte che invitavano fuori una ragazza si ritrovavano a giocare a briscola prendendo sempre picche, quando la briscola era cuori?
  • Quelli che quando gli amici li invitavano (dopo aver esaurito l'agenda) per un appuntamento a 4 al buio, con una misteriosa “parente/amica/collega” della propria ragazza, chiedendo informazioni sentivano l'amico rispondere “Tranquillo! Sei in una botte di ferro!” e stranamente veniva loro in mente Attilio Regolo con i Cartaginesi?
  • Quelli che hanno letto da qualche parte che per ogni uomo sulla Terra ci sono ben 7 donne, e aspettano ancora di incontrare il bastardo che se ne è prese 14?
  • Quelli che hanno un'amica sposata (oltre che collega di lavoro) che, oltre al ciclo mensile, ne ha anche uno “non periodico” (se non che è esclusivamente primaverile e autunnale) durante il quale cerca sfacciatamente di fare pratica su di loro, come possibile agente matrimoniale, presentando tutte le ragazze che conosce (e che sono evidentemente tutte uscite quando hanno chiuso l'ospedale psichiatrico di Collegno) e meravigliandosi se le cose non funzionano?
  • Quelli che hanno visto conoscenti felicemente sposati, tornare piangendo ultra quarantenni a casa della mamma, perché la loro casa (e molto più di metà del loro stipendio) era stata requisita dalla ex moglie (che ha scoperto di avere la testa leggermente pesante un istante prima che il marito scoprisse di dover allargare la parte alta delle porte di casa), ovviamente nell'esclusivo interesse del figlioletto (di chissà chi)?
  • Quelli che sono rimasti talmente scioccati dall'aver assistito al crollo di ogni propria certezza infantile, osservando i matrimoni felici dei propri amici e delle proprie amiche crollare uno dopo l'altro come un castello di carte costruito in zona sismica?
  • Quelli che hanno visto molti loro amici che hanno preso alla lettera i consigli dei tappi delle bibite che avevano all'interno i premi e dicevano sempre “Ritenta, sarai più fortunato!”?
  • Quelli che hanno letto da bambini (al catechismo, che era pure obbligatorio anche se fa rima con terrorismo...) che la religione pone il matrimonio esattamente un passo prima dell'estrema unzione?
  • Quelli che hanno poi correlato le 2 voci precedenti e hanno capito che i suddetti amici seguivano il consiglio solo per ritardare il momento dell'estrema unzione, anteponendo più matrimoni possibile nel mezzo?
  • Quelli che hanno avuto seduta accanto per diversi anni una collega di lavoro divorziata con demon...figlio a carico, che ha rotto loro i marroni per almeno 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì (solo perché lei non faceva gli straordinari) con tutti i suoi problemi nel sistemare il “pacchetto” a turno dai propri parenti (anch'essi tutti rigorosamente divorziati) per poter avere la casa libera per l'amico di turno?
  • Quelli che hanno avuto (e hanno tuttora) tutta una serie di colleghe che ha fatto loro capire che esiste quasi sempre (potrei anche levare il quasi, ma in fondo mi sto basando su un campione dimostrativo estremamente ridotto quantitativamente, sebbene praticamente omogeneo qualitativamente) una differenza abissale tra bellezza esteriore e bellezza interiore?
  • Quelli che, grazie a quanto sopra, si sono imbastarditi a sufficienza che alla lunga hanno perso quasi del tutto la voglia di avere a che fare seriamente con la metà migliore del genere umano, se non per lo stretto necessario?
  • Quelli che, malgrado tutte le premesse di cui sopra, non avendo comunque nessun valido motivo per essere gai, che futuro avranno con questa crisi?
Un programmatore una volta disse che il sesso è come il software: se è libero è meglio (in realtà la parola free, oltre che libero significa anche gratis, ma credo che il significato giusto, almeno in questo caso, non sia sicuramente gratis...), mentre un giocatore disse che il sesso è come una partita a bridge: se non si ha un buon partner bisogna avere una buona mano...
Io non sono un programmatore e non so nemmeno giocare a bridge, solo a briscola, scala 40 e scopa, sapevo giocare anche a scopone scientifico, ma ho dimenticato tutto andando al politecnico, vista la carenza estrema di materia prima, in ingegneria...
L'unica possibile risorsa sarà un sempre più intenso ricorso al “bricolage”, fino ad avere comunque un futuro assicurato come falegname o boscaiolo... ma a quel punto, con la mia sfiga cosmica, non salteranno fuori sicuramente problemi correlati al disboscamento selvaggio?

...

Cazzo! E tutto questo solo perché la crisi ha mandato a puttane anche la prostituzione! E i politici di tutto il mondo sono troppo impegnati a non fare nulla per risolvere i problemi! Ma porca troia!!!

...

Chiedo scusa alle lettrici (qualcuna dovrebbe esserci, credo...) per aver abusato della loro pazienza utilizzando in questo post un punto di vista statistico relativamente maschile, ma non è tutta colpa mia: sono maschio e ho pure una Punto, anche se non ho Vista...

Chiedo scusa ai lettori, per aver abusato della loro pazienza utilizzando termini estremamente volgari, quali “crisi” e soprattutto “politici”

...

Ovviamente, se qualche lettrice, preferibilmente nella zona di Torino, è comunque interessata ad approfondire il discorso, sarò lieto di accontentarla, mettendomi a sua disposizione tra una cena e una colazione... (che volete farci? C'è crisi...)

3 commenti:

  1. Fratello!!!!!!
    La funzione z (non è un bisogno corporale) potrebbe dimostrare che:

    - il bastardo che si è preso le mie 14 esiste
    - è rintracciabile

    Corollario alla funzione è l'applicazione del postulato di suor Nausicaa, del quale si espone un esempio

    http://www.youtube.com/watch?v=cC6Hl-CCd08

    CVD

    RispondiElimina
  2. Il tuo concetto di zona di Torino comprende anche Ivrea?
    Anche se non credo che il tuo concetto di approfondimento coincida con il mio...

    RispondiElimina
  3. Certo, in fondo sempre provincia di Torino è, no? ;-)

    RispondiElimina

Se questo post è stato scritto da più di 14 giorni, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Idee regalo della mia sorellina

I LAVORI DELLA MIA SORELLINA
Se siete interessati ai suoi lavori e volete acquistarli o ordinare qualcosa di personalizzato, la potete contattare alla mail:
lqfantasia at gmail dot com

Cloreen, la principessa senza regno

Image and video hosting by TinyPic
Un nuovo autore si affaccia sul panorama letterario con il suo primo romanzo.

Un'avvincente storia fantasy da leggere tutta in un fiato, dove colpi di scena e avventura vi accompagneranno fino alla fine.
Una ragazza che combatte contro il destino e si crea il suo destino.

Adatta per ragazzi e per adulti.
Da leggere!

Prezzo Euro 1,00 (formato ebook e pdf)
Euro 7,00 (+ spese spedizione) cartaceo (pagg.131)

Per ogni informazione potete scrivermi all'email: miky666ykim@gmail.com

Nota: è in vendita anche la copia dell'illustrazione di copertina in formato A4 (20,7 x 29,4), se siete interessati potete mandare richiesta all'indirizzo email lqfantasia@gmail.com.

Per vedere l'immagine potete andare qui.

Vendita computer

Di seguito, espongo le caratteristiche del computer in vendita:

Personal Computer
Scheda madre: ASUS M2NPV-VM
Processore: AMD Athlon 64 X2 Dual Core Processor 3800+
RAM: DIMM 667 MHz 1GiB (espandibile fino a 4)
Scheda video integrata: nVidia GeForce 6150
HDD: Maxtor 6G160P0 da 160 GB (149 GiB)
Porte: seriale, parallela, USB (5), FireWire
Drive: floppy, lettore/masterizzatore CD/DVD
Scheda di rete ethernet e scheda modem per connessione internet
Sistema operativo preinstallato: GNU/Linux Ubuntu 10.04.1 LTS
Programmi preinstallati: tutti quelli compresi nell'installazione di Ubuntu

Eventuale: disponibile monitor CRT 15" o 17"

Elenco hardware presente disponibile

Elenco programmi installati disponibile (tutti quelli compresi in una installazione standard di Ubuntu 10.04.1 LTS)

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Se interessati (e per qualsiasi chiarimento), mandate una mail a miky666ykim@gmail.com


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------