non solo d'artista...

...ma anche di cantierista... ;)


Commenti

  1. Vedi il lato positivo: almeno via email non puzzava!!!

    Comunque, resto sempre basito dalla mancanza di professionalità di certe persone!

    È come quando mandi un'email formale e
    ricevi risposta:
    ===============================
    Ciao,
    Ho letto
    $InizialeDelNome
    ===============================

    Ora, io non pretendo la perfezione, ma, generalmente, se devo scrivere un'email mi prendo sempre qualche minuto per Pensare a cosa scrivere, Comporre il mio pensiero e Rileggere quello che ho scritto.
    Poi, se devo contattare un cliente "Speciale" (detto con quel tono.. tipo nelle scuole Americane, quando hanno gli studenti con necessità "speciali" perché dire handicap è brutto!), ecco, dicevo, quando devo contattare questi clienti, posso anche metterci una decina di minuti a rileggere e a riscrivere l'email finché non sono sicuro (o quasi) che sia comprensibile anche per mia nonna!

    Lo so cosa stai pensando: tanto non la capiscono comunque, quindi che ti sbatti a fare.
    Ma io sono di quelli che sperano sempre che capiti per caso uno col cervello collegato quel giorno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, non puzzava... unico lato positivo :-)

      qua in Serbia le comunicazioni via email danno origine continuamente a cose allucinanti, visto che ufficialmente dovrebbe essere tutto in inglese, ma sia noi che loro parliamo un inglese piuttosto particolare... ;-)

      Elimina
  2. Scommetto che il tipo ha "imparato" determinate espressioni nei film americani dove parlano le gang di afroamericani.

    È un espressione piuttosto comune tradurre "La mia roba", anziché nel più polite "My Stuff", in "My Shit".

    Tra l'altro è un espressione generica, adatta un po' a tutto (dal cibo alla musica), un po' come il verbo "puffare" per i puffi, ha solo il difetto che NON È inglese formale e neppure informale a dire il vero. È proprio un modo di dire americano in voga tra i giovani e nelle gang.

    Fossi in te, incomicierei a preoccuparmi se vedi sto tizio entrare in cantiere con una bandana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è più probabile che abbia confuso "sheet" con "shit". Come in quella barzelletta dell'italiano a Malta.

      Elimina
    2. Direi che avete ragione entrambi: qua l'inghilterrese lo imparano sostanzialmente dalla televisione, quindi più che british è yankee... ;)
      Poi loro hanno la tendenza a scrivere come pronunciano (non vi dico come sono storpiati i nomi di certi attori...) e di conseguenza la pronuncia di sheet sostanzialmente viene scritta come shit... malgrado il diverso significato dei termini... :)

      Elimina
  3. Magari i nomi degli attori storpiati derivano dall'"effetto Google Translate": prima li translitterano dall'originale al cirillico, quindi in base al suono, e poi li ritranslitterano (o ci provano) in alfabeto latino. Con tanti auguri. Certo che l'inglese già è una roba che a capire come si scrive ci va del tempo - tant'è che di fatto le parole inglesi diventano delle specie di ideogrammi, che devi imparare a pronunciare così come sono senza quasi nessuna regola fissa. Se ci butti dentro anche il problema dell'alfabeto, diventa veramente un puzzle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, fanno proprio così, e il loro "inglese" assume strani significati... ;)

      Elimina

Posta un commento

Tranquillo, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Post popolari in questo blog

Il ritorno...

Comincia il lavoro

Primo incontro!