Cosa tu mangi?


La nostra Segretaria serba ha talmente tanti compiti, che non riesce a espletarne nemmeno uno.
Qualsiasi cosa le si dica, lei risponde sempre “Ok” ma poi non fa assolutamente niente.
L'unica cosa che fa, oltre a rispondere al telefono serbo e a fare la bella statuina all'ingresso dell'ufficio, e oltre a fumare e prendere il caffè con la segretaria della nostra controparte, è quella di preoccuparsi del vettovagliamento, anche perchè c'è di mezzo pure il suo.
Abbiamo una convenzione con un ristorante locale, che ci porta il pranzo in base alle ordinazioni, così ogni mattina, entro le 10, dobbiamo segnare su un foglio apposito il codice del piatto prescelto per la giornata, in modo che lei, entro le 11, possa prendere tutti i codici, telefonare al ristorante suddetto e ordinare la pappa per tutti.
Nessun problema quando si è in ufficio, visto che il menù, pur essendo in serbo, è illustrato quindi si capisce cosa si sta scegliendo, poi c'è sovente il nostro TecnicoInterprete, che essendo pure cuoco (nella vita civile precedente) ha ottime probabilità di fornirci una traduzione approssimativamente esatta del nome corrispondente al numerino scelto (in attesa che la suddetta Segretaria trovi il tempo, tra una pausa caffè e una pausa sigaretta, di dedicarsi alla traduzione del succitato menù, per noi ignoranti delle cirilliche delicatezze locali)
Il problema si pone quando non siamo in ufficio, in quanto la fanciulla chiama al telefonino ciascuno di noi, con un criterio prettamente basato sull'importanza gerarchica della persona, o sul fatto che il suddetto personaggio gli sia simpatico o meno in quella particolare giornata (non devo nemmeno dirlo, che io sono sempre tra gli ultimi a essere chiamato, vero?) e comincia il solito dialogo surreale.
Squilla il telefonino, solitamente quando si è in riunione o incasinatissimi in qualche sperduto buco di culo, appare il suo numero (e talvolta anche il suo nome, a seconda di come è stato memorizzato) e rispondo (in italiano, tanto lei dice di capirlo benissimo... dice...): “Cosa c'è?” “Ciao MK, sono io: Segretaria!”
“Lo vedo che sei te, ciao, cosa c'è?” “Ho visto che non hai segnato niente! Cosa tu mangi?”
“Che ne so? Che cosa c'è da mangiare?” “C'è questo, quest'altro e quest'altro ancora [e mi legge l'elenco in serbo]. Cosa tu mangi?”
“Segretaria, non ho capito un kaiser di quello che mi hai detto! Dimmelo in italiano!” “Ah! Si, scusa tu me! Allora, questo sarebbe piatto di carne così... quest'altro sarebbe pesce con occhi... quest'altro ancora sarebbe piatto di [cosa strana che non riesce a tradurre]... Cosa tu mangi?”
A quel punto, il mio fisico reclama di procedere alternativamente con gli unici due piatti che conosco, ma per procedere alternativamente devo sapere per certo cosa ho mangiato il giorno prima (non si tratta di memoria scarsa, ma del fatto che quando si mangiano tutti i giorni le stesse cose, senza staccare mai, nemmeno sabato o domenica, si finisce veramente per non capire nemmeno in che giorno si sta vivendo), quindi chiedo direttamente: “Dimmi cosa avevo mangiato ieri?” “Ah! Tu volere stesso piatto di ieri? Ok, grazie!” e attacca, prima che riesca a dirle “Ma chi caxxo ti ha detto che voglio mangiare la stessa roba di ieri?” solo che non si riesce nemmeno più a telefonarle, visto che sta già chiamando qualcun altro (sono tra gli ultimi, ma non l'ultimo, evidentemente).
Dopo 3 volte che le cose finiscono in questo modo, prende il vizio e ordina direttamente il piatto del giorno prima, così è meglio, almeno una volta, stare in ufficio o ricordarsi di segnare il piatto prescelto, in modo che non prenda mai il vizio di ordinare lei il piatto del giorno precedente, altrimenti si finisce a fare una dieta estremamente monotona... Oddio, visto che il 90% dei piatti sono a base di carne e quasi sempre di maiale, la dieta è comunque monotona, ma con lei diventa realmente un “piatto unico”!

Commenti

  1. Mamma mia, occhio alle intossicazioni stile marinai sulle caravelle di Colombo, quelli che tipo mangiavano la stessa roba per mesi...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo i primi giorni, ho infatti deciso che era ora di mettermi a cucinare, almeno per il sottoscritto... ;)

      Elimina
  2. Ma ti pare che devono pure far venire l'ansia su cosa mangiare per pranzo? ù_ù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta, che la saga della Segretaria non è mica finita... di ansia ne vedrai scorrere a fiumi... ;)

      La saga della Segretaria non è mica finita? Cazzarola! Mi sembra di essere tornato indietro nel tempo... :D

      Elimina

Posta un commento

Tranquillo, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Post popolari in questo blog

Il ritorno...

Comincia il lavoro

Primo incontro!