Disclaimer

Questo blog utilizza cookie tecnici propri, ma possono essere presenti cookie anche di profilazione di terze parti. Tali cookie serviranno per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso.

Per maggiori informazioni vedere la nostra cookie policy


---------------------

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Appunti dalle Tenebre...

Il mondo è immerso nelle tenebre,
in lontananza un campanile rintocca la mezzanotte,
ancora più lontano si odono lugubri ululati mentre il vento sospinge filamenti di nubi che assumono strane espressioni ultraterrene sorvolando le case...
i miei compagni svolazzano tra le tenebre, sotto forma di pipistrelli,
e io sto cominciando a sentire impellente la necessità di assaporare il fluido scarlatto, il rosso nettare fonte di vita...
le mie membra stanno già avviando i processi di mutazione che mi porteranno a breve a solcare i cieli nelle sembianze di un comune chirottero,
nel mio crudele ma inevitabile ruolo di predatore maledetto della notte...

venerdì 12 aprile 2013

Rientro difficoltoso... 2


Quasi trascorsa anche l'ora, appare un nuovo ritardo, ma appare anche l'indicazione del gate, che ci rassicura parecchio, permettendoci di raggiungere il luogo dove verrà effettuato il secondo controllo, che stranamente stavolta è quasi più meticoloso del primo.
Entriamo quindi nel gate per aspettare l'aereo, che non è ancora atterrato (e questo è piuttosto strano) chiacchierando tra noi e con i nostri committenti che ci terranno compagnia nel viaggio verso casa, finché il tempo passa e cominciamo a preoccuparci: niente aereo, diamo un'occhiata al tabellone e vediamo un nuovo ritardo, di quasi 2 ore!!! Guardiamo meglio e... l'aereo indicato non risulta in ritardo, ma nemmeno risulta essere quello diretto a malpensa!!! Qualcuno si sacrifica ed esce dalla saletta, raggiungendo il tabellone centrale dove è chiaramente indicato che l'aereo per malpensa partirà (con un ritardo di circa 45 minuti da quel momento) da un altro gate!!!
Comunicazione telefonica e fuga in massa verso il nuovo gate, dove si è sottoposti a ulteriore controllo e infine si entra, vedendo chiaramente l'aereo in fase di preparazione e la destinazione chiaramente indicata. Attendiamo, sempre osservando il tabellone, finché l'hostess al bancone comincia a chiamare per l'imbarco, secondo le solite modalità: prima le famiglie con bambini piccoli nel passeggino, poi quelli che occuperanno le ultime file del velivolo, infine quelli che occuperanno le file più avanti e, per ultimi, i ritardatari... cosa che, dopo l'ingresso delle famiglie con passeggini si trasforma di fatto nel solito "avanti tutti!", con ovvio e conseguente ingorgo dentro l'aereo (ad aspettare che quelli che hanno occupato i primi posti sistemano al meglio le valigie nelle cappelliere, si levano i giacconi e si decidano infine a posare il loro stramaledettissimo culo su quei fottuti sedili!) e fuori dall'aereo (ad aspettare che la fila di quelli che sono stati bloccati da quelli di prima, si decida a scaraventarli via e a muoversi per far entrare tutti!) mentre le hostess e gli steward ci guardano con rabbia e imprecando continuamente (magari se si levassero da mezzo al corridoio e lasciassero passare, o si decidessero a dare una mano a chi sembra non capire come infilare la fottuta valigia o piegare e sistemare il fottuto giaccone nella fottuta cappelliera, forse le cose funzionerebbero meglio, ma non è possibile pretendere troppo da questa gente!)
Alla fine, tra urla e imprecazioni in multilingua, entrano e si sistemano anche gli ultimi ritardatari e l'aereo parte.
Il personale passa a distribuire il solito fottuto panino da ping-pong, usando metodi da lanciatore di baseball, poi passano immediatamente a distribuire le bevande, velocemente, molto velocemente, riuscendo anche a far schizzare il contenuto di qualche bicchiere di carta sui pantaloni di qualche passeggero (ero terrorizzato: la persona accanto a me ha preso un the caldo!!!), o a sbattere con i carrelli contro tutti coloro che sono seduti lato corridoio. Infine, quando ancora non si è finito di bere, passano a ritirare i vuoti, talmente in fretta che molti non riescono a consegnare e abbandoneranno i miseri resti nella sacca porta riviste (tanto non c'erano nemmeno le riviste...)
Infine atterriamo a malpensa, dove c'è la solita ressa per uscire, stavolta senza la perdita di tempo causata dall'aggancio del tunnel, in quanto causa il ritardo ci parcheggiano in mezzo ai campi, dove aspettiamo l'arrivo di un secondo pulmino (il primo era già pieno zeppo, e noi eravamo abbastanza indietro con i posti) per caricarci e portarci dentro l'aeroporto (devo proprio dirlo che stava diluviando e faceva talmente freddo che più che pioggia era quasi neve, quella che cadeva?) e infine raggiungiamo l'aeroporto dove procediamo al controllo dei documenti da parte della polizia, dove una famiglia serba al femminile che ha scassato le palle per tutto il viaggio col casino che facevano tra la madre e le figlie, continua imperterrita, avvicinandosi allo sportello dove controllano le carte d'identità e non i passaporti: normalmente ho notato che non sono così fiscali, ma stavolta eravamo in ritardo forte, e forse il poliziotto era a fine turno, fatto sta che l'ha mandata a far la fila dagli altri sportelli, impiegando parecchio tempo a farsi capire e a discutere, cosa che se faceva che controllarle il passaporto, forse ci si sbrigava prima, ma tant'è...
Usciamo, andiamo all'autonoleggio dove dovremmo prendere la macchina noleggiata dalla ditta, e tutto procede bene, anche se lentamente causa la coda, raggiungiamo la macchina, controlliamo e... ci sono un sacco di difetti, tra i quali il fatto che le luci non funzionino (ovviamente era ormai buio pesto e noi dovevamo andare fino a Torino)
Andiamo a reclamare per farci sostituire la vettura e cominciano storie del genere che di quella categoria non ne hanno più, se ne vogliamo un'altra dobbiamo prendere una categoria differente, costa di più, cose così... non avendo scelta, prendiamo la macchina indicata e partiamo finalmente verso Torino... con i finestrini aperti, in quanto uno degli occupanti non riesce a resistere più di mezz'ora senza la sigaretta e aveva già raggiunto un livello di disperazione, in aeroporto e nell'aereo...
Alla fine, quando ormai avevamo quasi perso le speranze, vedo finalmente le luci tipiche del mio quartiere, con le insegne dei kebabbari, i lampeggianti delle volanti, le urla e le imprecazioni multietniche, i lamenti dei tossici durante la fase terminale dell'overdose, i richiami delle lucciole che sanno parlar d'ammmore, gli sguardi attenti degli spacciatori sotto gli occhiali da sole (di notte) che cercano di capire se sei un poliziotto o un cliente... bene, finalmente sono a casa!
Saluto i colleghi, scendo e recupero il mio borsone e le chiavi, quindi mi infilo nel portone di casa, per godermi un week end di tutto riposo!

10 commenti:

  1. Tra lavoro, vita privata, viaggi e fascino della zona di casa, a volte mi meraviglio che le tue vene siano ancora tutte intere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte intere? Mah... certe volte mi meraviglio anch'io...

      Elimina
  2. Spero sinceramente che tale situazione sia, non solo straodinaria, ma unica nella vita (o nelle vite se uno crede nella reincarnazione) di una persona.

    Seriamente, se dovessi ogni tot trovarmi in una situazione simile, finirei col capire chi entra in un aereoporto col kalashnikov facendo uno strage... Immagino pure, quelli che sono lì in aereoporto durante la strage: "Che fortuna, dovevo prendere un aereo!"; per chi, invece, doveva solo accompagnare o prendere uno che arrivava è una fregatura, ma, che diavolo, almeno non rischierà più di prendere un aereo...

    Buon rientro nei balcani, dove gli italiani sono visti come il gelato sul maglione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è stato un periodo in cui questa era la norma.
      Poi è diventata straordinaria e infine più unica che rara, ma quella volta si è ripresentata, per la gioia e la felicità di tutti noi che ci eravamo ormai disabituati a simili disagi...

      > Buon rientro nei balcani, dove gli italiani sono visti come il gelato sul maglione!

      Thanks! Ottimo paragone, per descrivere una situazione ai limiti del paradossale!

      Elimina
  3. Che ritardi..e quanti controlli! A momenti chiedono pure il calco dei denti Oo come hai fatto a non perdere la pazienza? Con che compagnia hai volato, che ti strappavano quasi il boccone di bocca per riprendersi i rifiuti? Che robe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avendo letto questo e questo dovrebbe essere chiaro come mai cerco di evitare di perdere la pazienza in certi casi... ;)

      La compagnia di bandiera locale della serbia, ovviamente... @_@

      Elimina
    2. Almeno avrai risparmiato sul biglietto (spero almeno quello...)

      Per il resto, io cerco sempre di non giudicare una compagnia dalla nazionalità, dato che sicuramente non tutte le aziende della Serbia sono come questi! Tuttavia, ci sono dei momenti in cui non riesci a non far corrispondere un marchio o un identificatore con un problema.

      È un po' come quando vedi la bandiera tricolore su un aereo o un treno: ti viene istitivo prendere il cellulare e avvertire che farai tardi!

      Elimina
  4. > Almeno avrai risparmiato sul biglietto (spero almeno quello...)

    Su quello si: costa meno della meta' dell'analogo viaggio mediante la compagnia col tricolore, fa una tratta senza scalo da Belgrado a Malpensa (l'altra fa Belgrado-Roma-Torino, ma il tratto Roma-Torino e' quasi piu' allucinante di quello descritto, e ci sono parecchi problemi nel tratto Caselle-Torino, tratto ovviamente servitissimo in tutti gli orari tranne quelli tardo-serali in cui arriverei io con questo viaggio)

    > Per il resto, io cerco sempre di non giudicare una compagnia dalla nazionalità, dato che sicuramente non tutte le aziende della Serbia sono come questi! Tuttavia, ci sono dei momenti in cui non riesci a non far corrispondere un marchio o un identificatore con un problema.

    Ti diro': dopo 2 anni sul posto, non riesco a evitare di pensare a problemi, quando ho a che fare con una compagnia locale... e non parlo solo della compagnia aerea, ovviamente...

    > È un po' come quando vedi la bandiera tricolore su un aereo o un treno: ti viene istitivo prendere il cellulare e avvertire che farai tardi!

    Qua, vedere i 3 cerchi (simbolo locale) su un aereo fa gia' pensare automaticamente ai ritardi, vedere un treno... beh, ti fermi a guardarlo come fosse una bestia rara, e purtroppo e' proprio cosi'...

    RispondiElimina
  5. >beh, ti fermi a guardarlo come fosse una bestia rara, e purtroppo e' proprio cosi'

    Sono così rari i treni in Serbia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino a Belgrado qualcosa arriva, da Belgrado in poi (specie fino qua) e' il Regno del Nulla Cosmico: almeno 2 cambi sicuri di treno e un solo treno di collegamento al giorno, per circa 4 lunghe ore di viaggio (se va bene), in un tratto che in definitiva non supera i 150 km...
      Adesso ci sono progetti di sostituzione e rifacimento dell'intera rete almeno da Belgrado a qua, e in parte hanno gia' cominciato...

      Elimina

Se questo post è stato scritto da più di 14 giorni, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Idee regalo della mia sorellina

I LAVORI DELLA MIA SORELLINA
Se siete interessati ai suoi lavori e volete acquistarli o ordinare qualcosa di personalizzato, la potete contattare alla mail:
lqfantasia at gmail dot com

Cloreen, la principessa senza regno

Image and video hosting by TinyPic
Un nuovo autore si affaccia sul panorama letterario con il suo primo romanzo.

Un'avvincente storia fantasy da leggere tutta in un fiato, dove colpi di scena e avventura vi accompagneranno fino alla fine.
Una ragazza che combatte contro il destino e si crea il suo destino.

Adatta per ragazzi e per adulti.
Da leggere!

Prezzo Euro 1,00 (formato ebook e pdf)
Euro 7,00 (+ spese spedizione) cartaceo (pagg.131)

Per ogni informazione potete scrivermi all'email: miky666ykim@gmail.com

Nota: è in vendita anche la copia dell'illustrazione di copertina in formato A4 (20,7 x 29,4), se siete interessati potete mandare richiesta all'indirizzo email lqfantasia@gmail.com.

Per vedere l'immagine potete andare qui.

Vendita computer

Di seguito, espongo le caratteristiche del computer in vendita:

Personal Computer
Scheda madre: ASUS M2NPV-VM
Processore: AMD Athlon 64 X2 Dual Core Processor 3800+
RAM: DIMM 667 MHz 1GiB (espandibile fino a 4)
Scheda video integrata: nVidia GeForce 6150
HDD: Maxtor 6G160P0 da 160 GB (149 GiB)
Porte: seriale, parallela, USB (5), FireWire
Drive: floppy, lettore/masterizzatore CD/DVD
Scheda di rete ethernet e scheda modem per connessione internet
Sistema operativo preinstallato: GNU/Linux Ubuntu 10.04.1 LTS
Programmi preinstallati: tutti quelli compresi nell'installazione di Ubuntu

Eventuale: disponibile monitor CRT 15" o 17"

Elenco hardware presente disponibile

Elenco programmi installati disponibile (tutti quelli compresi in una installazione standard di Ubuntu 10.04.1 LTS)

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Se interessati (e per qualsiasi chiarimento), mandate una mail a miky666ykim@gmail.com


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------