Compratelo e chiedi il rimborso spese..

Tempo fa, quando si aveva bisogno di materiale da cancelleria, per esempio penne, matite, gomme, pinzatrici, mine per le micromine (non le micromine (*)) blocchi, quaderni e cose simili, bastava andare a chiedere a Segretaria.
Adesso, da alcune settimane, mi sta capitando che vado da Segretaria e le chiedo materiale di cancelleria, ma lei risponde malamente.
“Ciao, mi servirebbe un righello..” “Non ne hai a casa?”
“Perché dovrei portare qui il mio righello da casa e vederlo sparire nel giro di un giorno?” “Perché io ho l’ordine di non comprare righelli!”
“E allora? Come misuro le planimetrie?” “O ti porti il righello da casa, oppure lo compri te e chiedi il rimborso spese..”
“Che arriverà con le calende greche, come al solito?” “Non lo so!”
E questo per il righello, ma anche per le penne, per i bloc-notes, per le gomme e per le mine delle matite..
Che ci sia qualche problema di natura economica dietro?

(*) le micromine non le hanno mai comprate, visto che la maggior parte di noi se le sarebbero fregate. Hanno sempre preferito provvedere al materiale da consumo, ovvero le mine..

Commenti

  1. Da me funziona così (azienda multinazionale con 360 dipendenti solo in Italia).
    Fai una RdA (aka richiesta di approvvigionamento) e dopo se non ti arriva il materiale (la risposta comincia con N) te lo vai a comprare se devi usarlo.

    Io ho smesso di praticare questa usanza barbara ed in men che voi possiate pensare sono diventato una pecora nera (o un neutrino del tunnel; a voi la scelta)

    RispondiElimina
  2. > Che ci sia qualche problema di natura economica dietro?
    O qualche grande capo che, non capendo una ${grosso_martello} di cose serie, si è concentrato sulle piccole spese quotidiane, e per far vedere che lui si che ha la presa della situazione ha cominciato a sbraitare "${Membro_virile}, non è possibile che spendiamo tutti questi soldi in quaderni!" Applicazione pratica della legge della trivialità di Parkinson (http://en.wikipedia.org/wiki/Parkinson%27s_Law_of_Triviality)

    RispondiElimina
  3. Dopo anni di Dilbert, il mio primo pensiero è stato quello di lukasbrunner.

    Aggiungo che chiunque abbia speso tempo a decretare che quello fosse un problema prioritario, ha almeno un paio di zeri di troppo nello stipendio.

    RispondiElimina
  4. Mi delurko per 2 motivi...
    @lukasbrunner: dove lavoravo io era capitata proprio questa cosa, il Titolare-Commerciale in persona si è fatto fare (perchè lui non ne era ovviamente capace) un report su tutte le spese mensili aziendali per vedere dove tagliare... risultato: Ma com'è che spendiamo tutti questi soldi in cancelleria?? e in riscaldamento?? Da domani niente più cancelleria e riscaldamento solo 2 ore alla mattina e 2 al pomeriggio!
    Perchè si taglia sul riscaldamento, mica sulle sue provvigioni. Vi lascio immaginare la felicità degli operai. Specialmente quando hanno scoperto che l'altro titolare-residente, per non patire freddo, si è fatto comprare una stufetta elettrica tipo radiatore, che teneva accesa almeno 8 ore al giorno. Serve aggiungere altro??

    E visto che ci sono, ne approfitto per farti i complimenti, ti seguo da un bel po' ma non ho mai commentato, continua così!

    Eva82

    RispondiElimina
  5. Scusandomi per il ritardo nel rispondere ai commenti, ringrazio tutti (fedeli lettori e anonimi delurkati :D ) e ne approfitto per dirvi che, nel caso specifico, avete tutti ragione: effettivamente questo episodio è stato immediatamente successivo a una qualche paturnia di GrandeCapo, che deve aver individuato proprio nelle spese di cancelleria (e non nella crisi che stava colpendo il mondo intero) la causa principale dell'impossibilità di condurre lo stile di vita precedente... Stop, non aggiungo altro, che già sono in esilio, ma non ho voglia di finire anche in galera... :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Tranquillo, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Post popolari in questo blog

Il ritorno...

Comincia il lavoro

Primo incontro!