Me la fai vedere?

Nell’ufficio di progettazione della Grande Società, vige la regola opposta alla famosa pubblicità di un noto gestore telefonico monopolista: vi ricordate “il telefono, la tua voce”? Ecco, qui vale il contrario: “la tua voce, NON il telefono!” e infatti è un continuo urlare da una stanza all’altra, manco fossimo al mercato del pesce…
In una di queste occasioni, PiccoloCapo chiama Disegnatrice per chiederle una serie di informazioni, e lei risponde nello stesso modo, ma evidentemente i due parlavano di cose diverse. Ecco il riassunto della discussione, tutta urlata:
“Disegnatrice!” “Eh, che vuoi?”
“Senti…” “Dimmi…”
“La stai facendo?” “L’ho già fatta!”
“E’ venuta bene?” “Insomma…”
“Fammela vedere!” “Eh?”
“Portamela qua!” “E come?”
“La prendi e me la porti!” “Bleah!”
“Portamela qua, che devo metterci mano, poi ti segno col pennarello le modifiche e tu fai i ritocchi!” “Metterci mano? Ritoccarla? Ma che schifo!”
“Ma che dici? Portala qua che vediamo di farla andare.” “Mi sa che è già andata…”
“Devo controllare di persona, se è a posto..” “E' a posto, te l’assicuro!”
“Se ci devo mettere la faccia io, allora devo controllare di persona!” “Cosa ci vuoi mettere?”
“La faccia” “Che cosa?”
“Se la firmo io, sono io che ci metto la faccia…” “Che cosa? Ma perché vorresti firmarla?”
“Perché sono il responsabile tecnico, e devo firmare tutto quello che viene fatto!” “Maddai, anche quella?”
“Quella cosa? Ma che stai dicendo?” “Ma tu di cosa stai parlando?”
“Della planimetria dello stabilimento con le linee di processo, perché?” “Ahhh!” sospiro di sollievo da parte di Disegnatrice… “Adesso la stampo…”

Commenti

  1. Risulta veramente difficile credere che sia andata così... Dopo "Portamela qua", la disegnatrice ormai dovrebbe capire. Non dico che sia falso, dico che è incredibile. Il sospiro finale, pure.

    RispondiElimina
  2. Ma lei era al cesso?
    No, aspetta, mi rispondo da solo: ha in mente una cosa sola...
    Giuro che il mio primo pensiero, leggendo il titolo è stato la ..., avendo presente l'andazzo poi ho pensato la cartella (cioè, directory, o Big D mi ammazza XD) o la commessa. Ci sono andato vicino!

    RispondiElimina
  3. Senti, ma non è che Disegnatrice vende il suo cervello? Così a colpo d'occhio deve essere nuovo, mai usato, addirittura ancora nell'imballaggio.

    RispondiElimina
  4. @ Moranar: La tua obiezione è giustissima e coincide più o meno con quello che pensavo io mentre ascoltavo questa vicenda, ma per quanto possa sembrare incredibile e assurda (e non solo a te, anche a me che l'ho ascoltata), ti posso assicurare che è realmente accaduta e proprio in questo modo.

    In realtà è proprio l'assurdità della vicenda che mi ha colpito e spinto a "immortalare la scena per i posteri".

    RispondiElimina
  5. @ Kaspa: più che altro, lei era appena tornata dal cesso e lui aveva appena ricevuto una qualche telefonata in cui gli si chiedeva a che punto erano i lavori... ;-)

    @ Lukas: se capita che la incontro di nuovo (grat...grat...), provo a chiederglielo :-)

    RispondiElimina
  6. Letto il titolo, pensavo che qualcuno dopo l'episodio della macchinetta del caffè si fosse messo in testa qualche strana idea... :-)

    RispondiElimina
  7. Possibile, ma non questa volta. ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Tranquillo, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Post popolari in questo blog

Presentazione...

Rivelazioni

Comincia il lavoro