Disclaimer

Questo blog utilizza cookie tecnici propri, ma possono essere presenti cookie anche di profilazione di terze parti. Tali cookie serviranno per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso.

Per maggiori informazioni vedere la nostra cookie policy


---------------------

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Appunti dalle Tenebre...

Il mondo è immerso nelle tenebre,
in lontananza un campanile rintocca la mezzanotte,
ancora più lontano si odono lugubri ululati mentre il vento sospinge filamenti di nubi che assumono strane espressioni ultraterrene sorvolando le case...
i miei compagni svolazzano tra le tenebre, sotto forma di pipistrelli,
e io sto cominciando a sentire impellente la necessità di assaporare il fluido scarlatto, il rosso nettare fonte di vita...
le mie membra stanno già avviando i processi di mutazione che mi porteranno a breve a solcare i cieli nelle sembianze di un comune chirottero,
nel mio crudele ma inevitabile ruolo di predatore maledetto della notte...

giovedì 16 ottobre 2014

Serbian tourist 2

Uscimmo quindi dalla meta culturale della nostra gita, per recarci presso la meta prosaica, ovvero alla ricerca di un posto dove mangiare.

Non è certo complicato trovare un posto dove mangiare in una nazione come la Serbia, specie considerando che (pare) i serbi facciano diretta concorrenza agli hobbit in fatto di mangiare.

Noi ci allontanammo dalle rovine dirigendoci verso il Danubio, dove GrandeCapo aveva intenzione di farci mangiare il locale prodotto ittico, che nei ristoranti di lusso era conosciuto come "siluro del danubio" (grazie a google) e che invece noi comuni mortali con scarse conoscenze e scarsa cultura da galateo, continuavamo a chiamare "pesce gatto".

La strada verso il grande fiume non era molta, ma per qualche strano motivo Collega ha deciso di seguire quelle che pensava fossero le giuste indicazioni (non so come facesse a leggere i cartelli in cirillico, ma spero almeno che sapesse che in serbo Danubio diventava Dunav, ovviamente scritto in alfabeto cirillico)
Ci trovammo quindi in un paesino di altri tempi, dove le poche persone che incontravamo ci guardavano stupiti e confusi, alcuni giungevano persino a fermare i trattori e i carretti, per non smettere di osservarci anche dopo che li avevamo superati.

Alla fine del paesino, ci trovammo di colpo che finiva anche la strada (di colpo, quasi come se qualcuno avesse tagliato via tutto con una forbice immensa) e cominciava la boscaglia della tundra locale...
Collega è convinto che in breve ricominci la strada e soprattutto che quella sia la direzione giusta, quindi trasforma di fatto la Punto in una Jeep e si da al fuoristrada, incurante del fatto che a bordo ci fossero 4 persone di cui il più magro era prossimo ai 100 kg (e non ero io, casomai ve lo chiedeste) quindi procede, incurante dei gemiti di CommunistyManager (che a breve avrebbe aperto il finestrino per alleggerirsi ancora di più) e dei brontolii di GrandeCapo (che non riusciva a giocare comodamente col suo smartphone)
Io gli chiedo se è proprio sicuro che sia la direzione giusta, e lui mi risponde di si, con un tono che mi convince che è meglio se sto zitto.

Andiamo avanti un poco e ci rendiamo conto che è impossibile proseguire, a meno di non trasformare la Punto in un elicottero, ma quel che è peggio è anche impossibile fare manovra per girare e tornare indietro.
CM esce dalla macchina e dona un po' di colore verdastro al terreno grigio, quando si rende conto che l'unica alternativa è quella di ingranare la retromarcia e tornare sulla strada... sono solo poche centinaia di metri, in fondo... (francamente, io al posto suo me la sarei fatta a piedi, anche se ammetto che alcune zone erano difficili da attraversare senza stivali)
GC mette finalmente via il telefonino e si riparte, in retro, tra alberi, cespugli, radici, fango (e altre amenità) per raggiungere nuovamente la strada, risalire sull'asfalto, prepararsi per fare la manovra di inversione facendo attenzione a non sfondare i muri semidiroccati da entrambi i lati della stradina e... scendendo comunque tutti per poter cambiare la ruota completamente distrutta...

Alla fine usciamo dal paesino, giungiamo a un bivio e lui dice "E' di qua!" "No, è di là!" rispondo io
Mi guardano tutti "Come?" "Di là!"
"Ma quando mai tu hai visto il Danubio?" "Mai!"
"E dici che è di là?" "Si!"
"Sai leggere i cartelli cirillici?" "No!"
"E come fai a dire che è di là?" "Semplice, chiunque con il cervello acceso ci arriverebbe!"
"Eh?" "Vedi quegli alberi all'orizzonte da quel lato?"
"Si, e allora?" "Il Danubio è là!"
"Quelli sono alberi, il Danubio è un fiume!" "Si infatti!"
"E allora che c...o dici?" "Quelli sono pioppi, vivono nei luoghi umidi: se ce n'è una simile quantità vuol dire che c'è una grossa fonte di umidità in quell'area, e cosa c'è di grosso e umido qua in zona oltre al Danubio?"
Si guardano stupiti e perplessi, poi GC ordina di seguire le mie indicazioni e così, in breve, ci troviamo di fronte al fiume (a dirla tutta, eravamo arrivati a un canale derivato dal Danubio per scopi agricoli e per gare di pesca, ma il "vero" Danubio era a soli 200 metri di distanza, se ci fosse stato un ponte per attraversare il suddetto canale)
Convinti che non li avevo portati fuori zona, si decidono infine a scendere e ammirare l'acqua tutt'altro che blu, perdendosi in commenti strambi, fino a quando sentiamo chiudere una porta a chiave...
Ci voltiamo e vediamo che i titolari dell'unico locale in zona apparentemente gastronomico se ne stanno andando, incuranti del fatto che Collega li supplica di riaprire e prepararci da mangiare.

Non resta che allontanarci e dirigerci verso la civiltà, ovvero verso l'autostrada, attraversando quel paio di cittadine che abbiamo visto nel viaggio di andata, dove sicuramente avremmo trovato un locale aperto...

4 commenti:

  1. Ho la strana sensazione che stia per prepararsi una lunga storia di digiuno ed acrimonie tra colleghi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti la situazione non è stata tra le migliori, per il nostro apparato digerente... ;)

      Elimina
  2. >Alla fine del paesino, ci trovammo di colpo che finiva anche la strada (di colpo, quasi come se qualcuno avesse tagliato via tutto con una forbice immensa) e cominciava la boscaglia della tundra locale...

    Ah, i vecchi paesi di una volta, dove alla fine della cittadina ci potrebbe essere un cartello che dice: "Qui in avanti inizia il Far West, fate ancora un passo e siete fottuti!"

    > Collega è convinto che in breve ricominci la strada e soprattutto che quella sia la direzione giusta, quindi trasforma di fatto la Punto in una Jeep e si da al fuoristrada

    Scusa se te lo dico, ma io, qui, mi sarei ribellato! Credo che sia dai tempi dei romani (AKA 2.500 anni fa) che esistono le strade, perché il tuo Collega deve tornare all'età celtica andando fuori strada?

    > Quelli sono pioppi, vivono nei luoghi umidi: se ce n'è una simile quantità vuol dire che c'è una grossa fonte di umidità in quell'area, e cosa c'è di grosso e umido qua in zona oltre al Danubio?

    Una risposta degna di Detective Conan! Che sia l'inizio della saga del Vampiro Detective?

    > Ci voltiamo e vediamo che i titolari dell'unico locale in zona apparentemente gastronomico se ne stanno andando, incuranti del fatto che Collega li supplica di riaprire e prepararci da mangiare.

    Vabbé, forse è stato meglio così, visto che non penso che la cucina di frontiera sia più sana di quella di città... E poi, ma a te non basta svolazzare dentro qualche casa e cucciare un po' di Vitae da qualche villico addormentato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. > Ah, i vecchi paesi di una volta, dove alla fine della cittadina ci potrebbe essere un cartello che dice: "Qui in avanti inizia il Far West, fate ancora un passo e siete fottuti!"

      Ci potrebbe essere, ma normalmente non c'è... :)

      > perché il tuo Collega deve tornare all'età celtica andando fuori strada?

      Tieni conto che noi eravamo comunque alla periferia estrema dell'impero romano, e sovente le strade non erano il massimo nemmeno nelle aree più moderne

      > Una risposta degna di Detective Conan! Che sia l'inizio della saga del Vampiro Detective?

      Beh, un minimo di logica investigativa è comunque alla base del mio lavoro, non ho fatto altro che applicarla anche in ambienti diversi

      > ma a te non basta svolazzare dentro qualche casa e cucciare un po' di Vitae da qualche villico addormentato?

      Vero, ma eravamo in pieno giorno: difficile trovare villici addormentati :D

      Elimina

Se questo post è stato scritto da più di 14 giorni, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Idee regalo della mia sorellina

I LAVORI DELLA MIA SORELLINA
Se siete interessati ai suoi lavori e volete acquistarli o ordinare qualcosa di personalizzato, la potete contattare alla mail:
lqfantasia at gmail dot com

Cloreen, la principessa senza regno

Image and video hosting by TinyPic
Un nuovo autore si affaccia sul panorama letterario con il suo primo romanzo.

Un'avvincente storia fantasy da leggere tutta in un fiato, dove colpi di scena e avventura vi accompagneranno fino alla fine.
Una ragazza che combatte contro il destino e si crea il suo destino.

Adatta per ragazzi e per adulti.
Da leggere!

Prezzo Euro 1,00 (formato ebook e pdf)
Euro 7,00 (+ spese spedizione) cartaceo (pagg.131)

Per ogni informazione potete scrivermi all'email: miky666ykim@gmail.com

Nota: è in vendita anche la copia dell'illustrazione di copertina in formato A4 (20,7 x 29,4), se siete interessati potete mandare richiesta all'indirizzo email lqfantasia@gmail.com.

Per vedere l'immagine potete andare qui.

Vendita computer

Di seguito, espongo le caratteristiche del computer in vendita:

Personal Computer
Scheda madre: ASUS M2NPV-VM
Processore: AMD Athlon 64 X2 Dual Core Processor 3800+
RAM: DIMM 667 MHz 1GiB (espandibile fino a 4)
Scheda video integrata: nVidia GeForce 6150
HDD: Maxtor 6G160P0 da 160 GB (149 GiB)
Porte: seriale, parallela, USB (5), FireWire
Drive: floppy, lettore/masterizzatore CD/DVD
Scheda di rete ethernet e scheda modem per connessione internet
Sistema operativo preinstallato: GNU/Linux Ubuntu 10.04.1 LTS
Programmi preinstallati: tutti quelli compresi nell'installazione di Ubuntu

Eventuale: disponibile monitor CRT 15" o 17"

Elenco hardware presente disponibile

Elenco programmi installati disponibile (tutti quelli compresi in una installazione standard di Ubuntu 10.04.1 LTS)

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Se interessati (e per qualsiasi chiarimento), mandate una mail a miky666ykim@gmail.com


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------