Da millenni ormai...

Pare che il pizzo tangentizio che ogni proprietario di televisore è costretto a pagare annualmente (da millenni ormai) per finanziare un ente parassitario inutile e totalmente incapace di fare qualcosa di nuovo e di decente (da millenni ormai) o come tassa di possesso di ciò che ha regolarmente pagato e di cui non gli è permesso nemmeno di fare l'uso che desidera (la multinazionale che vende software bacati e sistemi non-operativi ha insegnato bene anche nelle colonie oltre-oceano, a quanto pare) serva quasi esclusivamente per trasmettere (da millenni ormai) un certo numero di serate da un certo teatrino di un certo paese (forse) balneare, condotto sempre dagli stessi presentatori (da millenni ormai) dove vengono proposte sempre le stesse scene (da millenni ormai) di varia (dis)umanità e dove ogni tanto interrompono le caxxate per far cantare qualcuno che dice di essere un cantante (da millenni ormai), mentre la giuria riunita si prepara a votare per far vincere qualcuno, forse anche qualcuno di quelli che hanno cantato, o forse solo qualcuno in qualche modo imparentato con qualche membro della giuria...
No: non sto parlando della Corrida (esiste ancora?)
Io non spreco il mio tempo ad ammirare questi spettacoli artisticamente equivalenti al “grande bordello” o all'“isola degli sconosciuti” (no: non vedo nemmeno quelli, ma mi baso esclusivamente sulle informazioni che mi giungono dai miei recensori di fiducia in ufficio il giorno dopo) in quanto la canzone vincitrice (che dovrebbe essere l'unico motivo di vedere questa competizione canora, o cagnara?) verrà comunque proposta subito dopo da tutte le radio (da millenni ormai) fino a triturare le palle degli ascoltatori, almeno per tre mesi, che dopo chi se la ricorda più?
Al contrario di me, pare che ci siano un mucchio di fedelissimi del carrozzone mediatico, visto che tra i miei colleghi scoppiano sovente ostilità per decidere se la giuria ha deciso bene, per stabilire chi vale di più e chi vale di meno (ma che: li vendono all'asta i can-tanti? e li pagano in con-tanti?) e per decidere se la canzone di Tizio vale più di quella di Caio (tanto, se ti compri poi il cd del fess-stivale, te le trovi tutte allo stesso prezzo, da millenni ormai).
Il problema è quando decidono di chiedere il mio parere (ho un certo peso nelle decisioni, vista anche la mia dimensione...) e se ne escono con la domanda fatidica: “Che ne pensi della tal canzone?”
Ovviamente la mia risposta è “Che ne so: non l'ho mai sentita!” (che poi non è vero: ogni volta che la radio trasmette le canzoni vincenti mi rendo conto che quelle canzoni alla fine le avevo già sentite.. da millenni ormai...) e questa risposta sposta immediatamente l'ago della bilancia e delle alleanze dritto contro di me (lo dicevo che ho un certo peso nelle decisioni), infatti entrambi i contendenti smettono di contendere per chiedermi sbalorditi “Ma come? Non hai visto santa-pagaia?” (*)
La risposta è ovviamente “No, perché? Che mi sono perso?”
Da parte loro nessuna risposta se non un'espressione di disgusto e orrore mentre si allontanano dalla mia postazione.
Cosa devo pensare? Che ho perso la stima che non hanno mai avuto nei miei confronti? Che ho perso la possibilità di dare un salomonico giudizio su una canzone che non conosco? Che non mi sono perso nulla?

(*) ho modificato il post dopo aver letto il commento di Sabrina, e aver compreso che stavo innalzando di parecchio il valore del "soggetto protagonista del presente post", cosa che ovviamente non era voluta!

Commenti

  1. In questi casi è necessario contrattaccare, se ti chiedono qualcosa del concorso can..oro, basta un: "Ma l'anno scorso chi ha vinto?"
    A quel punto i poveri romp... ehm... interlocutori si ritireranno in silenzio, lasciandoti in pace. :-)

    PS: Quest'anno hanno vinto i Dire Straits, vero?

    RispondiElimina
  2. Ottima tattica :D

    Quest'anno? Perchè? L'hanno già fatto? ;-P

    RispondiElimina
  3. Stranamente, dove lavoro attualmente non c'è tanta gente che guarda il festival - o per qualche fortunata coincidenza riesco a tenermene alla larga. Oppure, la foto del tenero Burzum che ho appesa vicino alla scrivania (http://www.metalkingdom.net/band/photo/0906/1676.jpg) gli fa già capire che ora è, e si risparmiano certe uscite...

    RispondiElimina
  4. Buon per te (carina la foto, con quell'aria così dolce e mite...) :D

    Io avevo colleghi che passavano mezza giornata a discutere del festival, mezza giornata a discutere del grande fratello e mezza giornata a discutere dell'isola dei famosi... e per fortuna pare che non facessero tutte le trasmissioni insieme, altrimenti avrebbero dovuto fare pure gli straordinari per discutere... ;)

    RispondiElimina
  5. guarda Mk fino ad ora ho seguito con interesse il tuo blog ma questo è troppo....non puoi paragonarmi quel carrozzone mediatico che è san(coso che serve per remare) con il mitico sanscemo^^

    http://www.sanscemo.com/

    ^^ è lunedi mattina il mio treno mi ha lasciato 45 minuti sulla banchina e il primo utonto ha gia fatto il suo ingresso nell'ufficio it

    RispondiElimina
  6. @ Sabrina: [mod Fantozzi on]chiedo umilmente perdono (segue lunga serie di genuflessioni che raggiungono due piani sotto il mio nel palazzo... dritto sulla doccia di quella "top-model" che abita lì... ;-P )[mod Fantozzi off]
    (Ecco da dove mi era venuto in mente quel nome, che in parte mi suonava familiare)
    Per evitare problemi, ho modificato il post, peraltro seguendo la tua indicazione (e spero non esista un fess-stival chiamato santa-pagaia...) :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Tranquillo, il tuo commento dovrà essere approvato dall'amministratore.
Non preoccuparti se non apparirà immediatamente, non sono sempre online... ;)

Post popolari in questo blog

Il ritorno...

Comincia il lavoro

Primo incontro!